Imitazioni Crozza a Sanremo

13 febbraio 2013 13:430 commenti

E’ stato scoppiettante l’inizio di Sanremo 2013. La prima puntata gode di un’ottima apertura del sipario. L’omaggio a Giuseppe Verdi, le buone prestazioni di cantanti quali Daniele Silvestri, sono sicuramente episodi da ricordare.

Non sono però mancate le polemiche all’Ariston. La prima? Il bacio gay censurato. Stefano e Federico, sposini domani a New York, non hanno replicato interamente il video della loro love story, che in questi giorni sta facendo il giro del web. Ma le polemiche non si esauriscono qui. Un altro polverone è stato sollevato in seguito all’intervento del popolarissimo comico Maurizio Crozza.


Dopo le sue apparizioni a Ballarò e il suo celebre programma su La7, Crozza è stato invitato al Festival e si è subito immerso in una performance concentrata sull’imitazione di (quasi) tutti i politici.

Dal pubblico, però, sono arrivate enormi bordate di fischi al suo indirizzo. Fischi partiti sin da subito, successivamente alla sua imitazione a Silvio Berlusconi. Il conduttore Fabio Fazio è riuscito, facendo molta fatica, a riportare la calma. Crozza, invitato dal pubblico a “non portare la politica anche a Sanremo” con dei sonori “basta!” ha continuato la sua opera di satira, imitando Pier Luigi Bersani, Antonio Ingroia e Luca Cordero di Montezemolo.

Stranamente, nessuna imitazione per Mario Monti e Beppe Grillo. Molti, all’indomani del debutto della kermesse, si chiedono naturalmente il perché di questa scelta.

 






Tags:

Lascia una risposta