La Lega favorevole all’arresto di Cosentino

10 gennaio 2012 07:340 commenti

Sul caso di Nicola Cosentino si consuma un nuovo strappo tra Lega e Pdl, perché il partito di Bossi pensa sia corretto mettere in carcere l’ex sottosegretario del governo Berlusconi accusato di riciclaggio, falso, corruzione e violazione delle norme bancarie per favorire il clan dei Casalesi. Maroni, ex ministro degli Interni ha rilasciato proprio in queste ore una serie di dichiarazioni e anche lo stesso Berlusconi ha fissato un incontro con il leader del Carroccio per convincerlo a votare contro l’arresto di Cosentino.


Per evitare la cercerazione dell’ex collega si sono mobilitati anche Paolo Romani a Maurizio Gasparri, i quali hanno chiesto alla Lega di tornare sui propri passi spiegando che questa sarebbe l’ennesima frattura della vecchia maggioranza e che risulta essere singolare la scelta così radicale di un partito.

Pierluigi Martini del terzo Polo ha confermato la volontà di votare a favore dell’arresto, così come il Partito Democratico e l’Italia Dei Valori anche se è probabile che qualche deputato decida di votare diversamente dall’indicazione del proprio partito. La Camera, per ora, ha negato l’arresto per associazione camorristica anche se l’ex deputato ha favorito i Casalesi per la costruzione di un centro commerciale con un finanziamento di 5,5 milioni di euro. Dalle indagini è anche emerso che i rapporti criminali hanno aiutato in modo significativo la carriera di Cosentino, infatti è stato sostenuto durante le competizioni elettrorali dal clan dei Casalesi e anche buona parte delle sue fortune deriva da debiti di gratidudine.






Tags:

Lascia una risposta