Home / Politica italiana / La Serracchiani scudiera di Renzi attaccato dalla Boldrini

La Serracchiani scudiera di Renzi attaccato dalla Boldrini

La Boldrini si è lamentata del disinteresse mostrato dal governo riguardo ai pareri negativi delle Camere per quel che riguarda la questione della Jobs Act ora in commissione “Lavoro e Bilancio”.

Matteo Renzi, l’attuale Premier, ha commentato le opposizioni di Laura Boldrini, dicendo che era un problema suo se c’erano dissensi alla Camera e che lui andava avanti con il programma. Anche Debora Serracchiani, il vicesegretario del Pd, dichiara che le critiche di Laura Boldrini sono troppo eccessive e che gli è profondamente dispiaciuto che la 3° carica dell’attuale Stato prenda questa posizione di fronte alle riforme attuate dal governo. Addirittura Laura Boldrini ha fatto delle forti dichiarazioni di tipo accusatorio sul modus operandi di Matteo Renzi. Ha parlato addirittura che l’idea di avere un solo uomo al potere contro tutti quanti non è appropriato e non rispetta l’idea di democrazia.

Ma il Pd non crede che parlare di “uomo esclusivo al comando” sia esatto, visto che Renzi rappresenta insieme al Pd una base larga di italiani. Renzi infatti non decide in maniera unica, ma attraverso le scelte del partito del Pd. Anche Graziano Delrio è d’accordo con Matteo Renzi e con il vicesegretario del Pd Debora Serracchiani. Per Graziano Delrio infatti Renzi rapprenda non un “capo”, ma un “leader” e che attuando il decreto non si sia assolutamente umiliato il Parlamento.

Il fine ultimo della “Jobs Act” è quello di aumentare l’occupazione per la 1° volta dopo molti anni di perdita. Insomma una rinascita per il nostro Paese, una grande opportunità. Fare delle critiche è solo un modo per indietreggiare e rallentare la manovra.

“Scelta Civica” si dichiara invece in accordo con l’operato di Matteo Renzi, in quanto il premier può tirare dritto sulla Jobs Act e può esercitare la sua legittima facoltà.

Come sempre il subbuglio quando si tratta di una manovra importante è inevitabile,  speriamo solo che riescano a trovare un accordo e ad andare avanti per il bene del Paese.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *