Il M5S non accetta un massone

19 novembre 2012 11:310 commentiDi:

Il medico lombardo Vincenzo Freni voleva concorrere per le elezioni in Lombardia e voleva farlo con il Movimento 5 Stelle nel quale modo di fare politica si rivede. Invece niente, la candidatura e la partecipazione del medico non è accetta tata. Il motivo di questo rifiuto? Che il dottor Freni è un massone. Iscritto e maestro prima alla Gran loggia regolare d’Italia è ora fondatore e membro della loggia Lythos, Vincenzo Freni è stato quindi fermato dal movimento. Ecco cosa ha scritto Beppe Grillo sul suo sito, con una nota del coordinatore provinciale Vito Crimi:

“L’M5S è contrario ad ogni tipo di società segreta. Il movimento non può candidare una persona che sia stata nella massoneria”.

Il medico, che è di origini siciliane, credeva che far parte della massoneria non fosse un motivo per essere emarginati:

“Non tutta la massoneria è un male. Nell’immaginario collettivo la si associa alla P2, ad un sistema delinquenziale, ma ci sono logge che perseguono fini solidaristici, come la raccolta di fondi per i terremotati. Grillo propone ricette efficaci e subito applicabili, a partire da un miglior utilizzo delle risorse pubbliche e dal taglio dei costi della politica. Sono molto d’accordo anche sulle tematiche ambientali”.

Tags:

Lascia una risposta