Nuova manovra taglia debito governo Monti

9 agosto 2012 11:580 commenti

A poche ore dall’approvazione definitiva del decreto legge sulla spending review, il governo Monti è già alle prese con una nuova manovra, che ha come scopo quello di attuare una riduzione del debito pubblico in modo tale da far si che l’Italia non sia costretta a chiedere aiuto al fondo anti-spread e di evitare un altro rincaro dell’Iva.

Tra le misure che dovrebbero essere incluse in questa seconda manovra figurano molte di quelle incluse nel cosiddetto piano Grilli. Si comincia dalla vendita di beni pubblici per 15-20 miliardi l’anno, pari all’1% del Pil, una misura che sarà attuata mediante la costituzione di tre diversi fondi:  il primo sarà destinato alla privatizzazione delle società municipalizzate, il secondo alla dismissione dei beni assegnati agli enti locali con il federalismo demaniale e il terzo alla cessione di 350 immobili di pregio già valorizzati. Secondo le prime indiscrezioni, tra gli immobili che saranno messi in vendita figurano Castello Orsini di Soriano al Cimino, Palazzo Diedo a Venezia e Palazzo Bolis Gualdo di via Bagutta a Milano.


Sempre nel piano Grilli è inoltre previsto il conferimento alla Cassa Depositi e Prestiti delle partecipazioni del Tesoro in Fintecna, Sace e Simest verso un corrispettivo che dovrebbe aggirarsi intorno ai 10 miliardi.

Tra le misure che potrebbero essere contenute nel nuovo provvedimento del governo Monti ci sarebbero anche le proposte di Giuliano Amato e Franco Bassanini, ossia di far fruttare di più le concessioni, di incentivare l’allungamento della durata dei titoli di Stato e di introdurre una tassazione di patrimoni esportati illegalmente in Svizzera.

Tra le altre proposte che potrebbero essere incluse nella nuova manovra figura anche il megafondo in cui far confluire beni immobili e mobili avanzata dal segretario del Pdl Angelino Alfano e la proposta di alcuni economisti, tra cui Pellegrino Capaldo,  di dare vita ad una patrimoniale classica su immobiliari e mobiliari.

 

 






Tags:

Lascia una risposta