Nuova tassa sui redditi alti per salvare gli esodati

25 ottobre 2012 10:170 commenti

Una tassa sui ricchi per salvare gli esodati. E’ questo in sostanza quello che prevede un emendamento bipartisan alla Legge di stabilità 2013 presentato dalla commissione lavoro della Camera dei deputati. L’obiettivo è di salvaguardare tutti coloro che nel corso del prossimo biennio si troveranno senza lavoro e senza pensione a seguito delle modifiche apportate dalla riforma del lavoro targata Fornero. In altre parole, quindi, una sorta di paracadute per licenziati, lavoratori in mobilità, firmatari di accordi che prevedono uscite in anticipo, ecc.


Più nel dettaglio, si tratta di un contributo di solidarietà una tantum consistente in un prelievo del 3% sulla parte di reddito eccedente i 150.000 euro lordi all’anno.  Una “soluzione”, dunque, che sebbene interessi solo una piccola percentuale di italiani farà senza dubbio discutere, in quanto comporta un ulteriore aumento della pressione fiscale.

L’emendamento ha però ricevuto parere negativo del governo, secondo cui attraverso questa misura non si riuscirebbero a raggiungere l’effetto sperato a causa di una copertura insufficiente, dal momento che la soglia dei 150.000 euro, secondo le statistiche del fisco italiano, viene superata solo dallo 0,36% degli italiani. L’esecutivo ha però limitato la contrarietà al parere in commissione del sottosegretario al Lavoro, Michel Martone, pertanto ora a sciogliere il nodo sarà la commissione Bilancio, che potrebbe anche bocciare l’emendamento.






Tags:

Lascia una risposta