Pagamento tasse confermato per i terremotati

22 agosto 2012 10:590 commenti

Nessuna proroga per l’Emilia terremotata. Il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani aveva chiesto all’Agenzia delle Entrate il prolungamento delle agevolazioni fiscali alla regione colpita dal terremoto lo scorso maggio: in pratica chiedeva che fossero rinviati i pagamenti delle tasse per tutto il 2013.

L’ipotesi della proroga circolava già da diverso tempo, ma per il momento sembra che non ci sia stato nulla da fare. La risposta è stata negativa e dal primo ottobre gli emiliani torneranno a pagare anche l’Imu, la tassa sulla casa.


Qualche giorno fa l’Agenzia delle Entrate aveva reso noto che “la scadenza del termine di sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari rimane fissata al 30 settembre 2012 fermo restando la possibilità di regolarizzare entro il 30 novembre 2012, senza applicazione di sanzioni e interessi, gli adempimenti concernenti le ritenute e relativi al periodo dal 20 maggio all’8 giugno 2012”.

Intanto sul web cresce l’indignazione ed Errani non si placa promettendo battaglia, certo di poter tornare sulla richiesta. La questione intanto sarà riportata al centro dell’attenzione in seguito alle richieste accolte dal Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri e sarà discussa nel Consiglio dei Ministri venerdì.

L’ipotesi sembra essere stavolta una proroga selettiva: dal pagamento di tasse e contributi saranno ancora esenti tutte le persone colpite che hanno ancora la casa inagibile o l’azienda danneggiata. Al momento sono casa sono 13 mila le persone senza casa, oltre 3000 le aziende danneggiate: resta da capire di quanto far slittare ancora i termini anche nel caso in cui la proroga riguardasse solo chi ha ancora danni seri.






Tags:

Lascia una risposta