Piazza magicamente raddoppiata sulla pagina FB di M5S

19 febbraio 2013 10:090 commenti

Non vi è dubbio, anche la politica si nutre dei grandi numeri e farebbe di tutto per ottenerli. Succede anche a chi da anni fa dell’onestà il suo cavallo di battaglia.

Così, siamo di fronte (secondo gli esperti) a un singolare caso di ‘tarocchi’. Il M5S di Savona si è servito di photoshop per modificare il numero dei presenti in una piazza, raddoppiando la gente che ha assistito al Comizio di Grillo a Imperia. A ben vedere, dall’immagine si evince chiaramente l’utilizzo del programma Photoshop.

Nello specifico, pare che l’autore abbia usato il timbro clone per moltiplicare la gente che ha ascoltato Grillo in comizio. All’autore è però sfuggito un particolare, perché aumentando i presenti è aumentato anche il numero dei palazzi alle loro spalle.

A più di un utente non è sfuggita la strana ‘somiglianza’ tra gli edifici e la moltiplicazione ‘miracolosa’ effettuata grazie a photoshop.


Lo dimostrano i commenti leggibili proprio accanto alla foto, al punto che anche gli autori se ne sono accorti e non hanno potuto fare a meno di smascherare la cosa. Qualcuno ha scritto: “Belle le persone che si sdoppiano ed i doppi palazzi lol“. Un altro utente, poi, con toni da insegnante ha scritto: “Che bello il timbro clone! Se volete vi insegno come si usa”.

Entrati nell’ultima settimana prima delle elezioni, la campagna elettorale diventa dunque infuocata e si punta sulla quantità per strappare consensi all’elettorato.

Le foto, che talvolta vengono modificate da più fazioni politiche, sono lo strumento prescelto per dimostrare che il popolo è con il candidato.

C’è chi, però, non perde occasione per fare ironia e smascherare Grillo.

Ad esempio, il direttore di Youdem Chiara Geloni scrive su Fb “Il photoshop tour di Grillo” a Savona.

Nell’errore è caduto anche Pier Luigi Bersani. Il suo staff ha postato su Twitter un’immagine sbagliata, mettendo sul web una foto di un comizio in Piazza del sindaco di Milano Giuliano Pisapia datato 2011.






Tags:

Lascia una risposta