Renzi aiuta Bersani in quest’ultimo tratto di campagna elettorale

1 febbraio 2013 21:230 commenti

Rivali alle Primarie, insieme per tirare la volata decisiva, sul palco di Firenze, città di cui è sindaco uno dei due. Matteo Renzi sostiene Pier Luigi Bersani durante l’ultimo tratto di strada in vista delle prossime elezioni.

I due hanno scelto il teatro Obihall come la propria “Teano” per rincontrarsi. Il Sindaco Renzi è salito sul palco salutando il leader del Partito Democratico come il ‘Prossimo presidente del Consiglio”.

Poi è tempo di bilanci, previsioni e stoccate.

Berlusconi

Per Renzi il ‘Cavaliere’ non muore mai. Non va sottovalutato. Bersani aggiunge che “Chi lo sottovaluta commette un errore. Avete visto quel gesto di cancellare con un fazzoletto la seggiola di Travaglio? Era un gesto per cancellare vent’anni di una storia che non ha funzionato. Attenti a non sottovalutare Berlusconi”.


Monti

Renzi sul ‘Professore’, con una risposta dura: “Oggi ha detto che il Pd è nato nel ’21… deve aver confuso con la sua carta d’identità. Monti per mesi ha detto che non si sarebbe candidato e sarebbe rimasto sopra le parti e ora è nel ring della politica di tutti i giorni con persone molto lontane da lui. Forse non ha capito che Fini non è quello dei tortellini ma quello della Bossi-Fini”

E poi una speranza per il futuro: Renzi auspica l’avvento di un Governo in grado di rinnovare il rapporto tra finanza e politica.

Mps

Renzi ha qualcosa da dire anche sullo scandalo che ha coinvolto la banca senese: “Quando la finanza fa bene il suo lavoro si creano soltanto cose belle: senza il fiorino a Firenze non ci sarebbero state arte, cultura, biblioteche per i poveri, e l’Italia non avrebbe conosciuto quella grande pagina di storia che è stata il Rinascimento”.






Tags:

Lascia una risposta