Renzi, niente Ministero e ancora “rottamazione”

6 novembre 2012 13:530 commentiDi:

In un’intervista a Radio 24, Matteo Renzi parla delle questioni politiche del momento e, in particolare, delle primarie. Il sindaco di Firenze riprende le affermazioni fatte ieri da Pierlugi Bersani su un eventuale ruolo di Ministro in un prossimo esecutivo.

Se perdo le primarie rimango a fare il sindaco e non vado in Parlamento, non vado a fare il ministro. Dopo di che vorrei lo stesso atteggiamento da parte di altri. Chi perde dà una mano ma senza legare i propri contenuti a una sistemazione personale. Niente sgabelli.

Su un eventuale ruolo di segretario del PD, parimenti, Renzi è scettico:

Ci sono persone molto più brave di me per farlo, credo di essere quello meno adatto

Poi rilancia sulla questione della rottamazione:

Se Bersani perde non si candidi.

Attraverso un paragone con il calcio, Renzi afferma:

Lì i rottamatori sono già arrivati, vediamo in politica.

Il riferimento è al successo di Montella e Stramaccioni, allenatori del momento e, soprattutto, giovani. Con loro, dice Renzi,

Il campionato di calcio è più aperto da molto tempo a questa parte.

Tags:

Lascia una risposta