Rischio caduta governo

6 dicembre 2012 21:450 commenti

Ieri l’annuncio di Silvio Berlusconi: ha intenzione di scendere nuovamente in campo. Oggi le conseguenze: il Popolo della libertà ostacola le decisioni del Parlamento.

Si astiene dal voto di fiducia sul decreto Sviluppo in Senato, pur assicurando il numero legale, e dichiara che si asterrà alla Camera sulla fiducia al decreto sui costi della politica.

Il disegno legge inerente al decreto Sviluppo passa ugualmente. Tuttavia sull’esecutivo tecnico gestito da Mario Monti piove. Si prospettano ribaltoni improvvisi.

Intanto Angelino Alfano afferma:

 Il ritorno di Berlusconi divide il Pdl

“Domani alle 10.30 mi recherò dal presidente della Repubblica a riferire della situazione”.

Il segretario del Pdl Angelino Alfano salirà al Colle assieme ai capigruppo di Camera e Senato. Nel frattempo, Berlusconi torna a sentire i vertici del Pdl a Palazzo Grazioli, la sua residenza romana, sotto la quale un gruppo di sostenitori tra cui Giancarlo Lehner con bandiere ed uno manifesto con su scritto ‘Silvio, l’Italia crede in te’.

Cambia nuovamente, dunque, lo scenario politico. Qualcuno se lo aspettava (l’opinione pubblica e i sostenitori di Berlusconi). Qualcun altro aveva comunque messo le mani avanti, come ad esempio lo stesso Premier Monti. Qualcuno ha sempre tenuto in bilico il Governo. Costui risponde al nome di Silvio Berlusconi, uno che non si arrende mai.

 

Tags:

Lascia una risposta