Home / Politica italiana / Roma: allert della Meloni e il centrodestra rischia spaccatura alle comunali

Roma: allert della Meloni e il centrodestra rischia spaccatura alle comunali

La puntualizzazione della numero uno di Fratelli d’Italia ed ex ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, allontana la possibilità che il centrodestra possa presentarsi unito alle prossime elezioni comunali di Roma. A neppure 48 ore dall’ufficializzazione della fine dell’esperienza Marino, quello che un tempo era il Polo della Libertà non sembra essere più in grado di trovare un filo di unità andando così a ricreare la stessa situazione che caratterizzò le elezioni regionali in Puglia. La Meloni è stata infatti chiara: Fratelli d’Italia, il movimento che, stando a tutti i sondaggi, dovrebbe essere il partito più forte del centrodestra a Roma, non ha alcuna intenzione di appoggiare quell’Alfio Marchini che è stato invece lanciato da Berlusconi.

Che i tempi siano cambiati e che nessuno sua più disposto a sottostare alle indicazioni di Berlusconi e di una Forza Italia che non ha che è un terzo degli elettori che poteva vantare 10 anni fa, lo si deduce da quello che è lo stesso linguaggio che la Meloni ha utilizzato. “Fratelli d’Italia sosterrà un candidato di centrodestra perchè a noi gli inciuci e i pastrocchi non piacciono in Parlamento e non piacciono in Campidoglio” ha affermato la pasionaria di Fratelli dItalia. Alfio Marchini, quindi, viene sonoramente bocciato come viene bocciata la possibilità, prospettata da Berlusconi, che per la numero uno di FdI sia aprano le porte di una candidatura alla Regione Lazio. Anche su questo punto la Meloni è stata molto chiudendo ad ogni possibilità. Quello che la leader di FdI ha chiesto, invece, è la convocazione di un summit tra le forze di centrodestra, durante il quale decidere su quale nome di debba puntare ma senza imposizioni di sorta.

La sfida per le comunali è già iniziata, quindi, e le forze di destra, sono già alla ricerca di un candidato vincente.

Loading...