Sallusti rifiuta i domiciliari

30 novembre 2012 17:410 commentiDi:

Alessandro Sallusti rifiuta gli arresti domiciliari decisi dal giudice di sorveglianza del Tribunale di Milano Guido Brambilla che ha accolto la richiesta che era stata fatta dal procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Il direttore del Giornale ha rifiutato i domiciliari richiedendo il carcere vero e proprio: “Mi mandi i carabinieri e mi traducano in carcere. Se così non fa si rende lui responsabile del mio reato di evasione. Io mi sono preso le mie e non mi sottraggo alla pena. È impossibile che la magistratura continui a comportarsi in questo modo senza mai pagare”.


È chiara la polemica di Sallusti, che è stato condannato a 14 mesi per diffamazione e non potrà lavorare. Il direttore ha affermato che appena gli saranno dati i domiciliari andrà a lavorare commettendo così il reato di evasione. Il suo sarebbe un comportamento polemico legata all’intera questione che non ha trovato soluzione in Parlamento.

Sallusti ai domiciliari con la Santanché

Sallusti critica anche la sentenza  riguardo alla questione della rettifica sul famoso articolo che lo ha portato ad essere condannato dalla giustizia. Ecco cosa ha detto: “Sul dispositivo della sentenza c’è scritto che io mi sono rifiutato di pubblicare la rettifica. Il rifiuto presuppone una domanda. Nessuno mi ha domandato una rettifica. Libero non aveva l’Ansa. Non avevo modo tecnicamente di correggere la notizia. Sulla sentenza c’è scritta una cosa falsa”.






Tags:

Lascia una risposta