Serracchiani friulana tosta boccia l’idea della macroregione Triveneto

Deborah Serracchiani, la presidentessa della Regione Friuli Venezia Giulia, non vuole neppure sentire parlare di accorpamenti e creazioni di macroregioni e liquida il ritorno delle indiscrezioni sulla possibilità che il governo Renzi metta mano al riassetto dei confini regionali, come una sorta di manifestazione di mito dell’eterno ritorno. Per l’esponente del Partito Democratico, infatti, non è la prima volta che si sente parlare di accorpamenti tra le Regioni ma, in concreto, non si mai poi fatto nulla anche perchè una decisione di questo tipo non è certamente di facile attuazione.

Le parole della Serracchiani, ridanno il giusto peso all’ordine del giorno proposto da Raffaele Ranucci che è stato fatto proprio dal governo Renzi ma non nella sua versione originaria ma in un secondo testo che non contiene alcun impegno solenne ad attuare un accorpamento delle regioni secondo il ben noto schema delle 12 macroregioni. Il governo, ha chiarito la Serracchiani, ha solo dato il suo assenso a un generico impegno di individuare le possibili strade per poter razionalizzare la spesa regionale non escludendo la possibilità di giungere all’accorpamento tra Regioni. In pratica, quindi, il via libera dell’esecutivo è solo ad un disegno di indirizzo che non ha obblighi di trasformazione in legge, nè tantomeno tempi entro i quali deve essere discusso. Insomma, sempre secondo la Seracchiani, quella proposta che affascina parte del Partito Democratico, è solo un’idea tra le tante priva di reali riscontri. E’ palese che sulla creazione delle macroregioni, quindi, in seno alla stessa compagine di governo non esista alcuna unità.

Ma l’uscita della Serracchiani non è solo un sintomo di due anime diverse sul tema delle regioni ma anche un sintomo di preoccupazione nel caso in cui davvero il Friuli si dovesse unire nel Veneto con la creazione della Regione del Triveneto. Un disegno, questo, che prevederebbe, stando ai sondaggi, la presenza dell’attuale presidente del Friuli.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *