Sul Jobs Act scatta la fiducia

7 ottobre 2014 09:400 commenti

Il governo ha deciso di chiedere la fiducia sul Jobs Act che sarà modificato poi con un maxi emendamento sempre dal Governo. Allora su cosa è chiesta la fiducia e che iter seguirà adesso la riforma del lavoro?

Con il termine angloamericano Jobs Act, un po’ abusato di recente, s’intende un progetto di legge sui temi del lavoro. Perciò non si parla di alcuna normativa precisa. Il Consiglio dei ministri, infatti, autorizzato il Governo a chiedere la fiducia al Senato sulla legge delega del lavoro.

Un testo di questa legge delega è stato approvato il 18 settembre scorso ma è probabile che il documento originale sia emendato. Il cosiddetto maxi emendamento del Governo non è ancora disponibile, mentre è in corso la discussione sulla fiducia.

> Cosa hanno da dirsi Renzi e i sindacati

La legge delega su cui è chiesta la fiducia deve essere votata da entrambe le Camere e contiene dei principi di base secondo i quali il Governo è delegato a legiferare tramite un decreto legislativo, oppure un decreto delegato. Questi due strumenti diventano poi immediatamente operativi dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri. Insomma, una cosa che si gestisce in casa per l’Esecutivo renziano. Da dibattere, allora, non restano che i 6 articoli del disegno di legge delega che riguardano:


1. gli ammortizzatori sociali,
2. il riordino della normativa sui servizi per il lavoro e le politiche attive,
3. la semplificazione delle procedure per cittadini e imprese,
4. le tipologie contrattuali,
5. la tutela della maternità e le forme di conciliazione dei tempi di vita e lavoro,
6. i tempi di adozione dei decreti delegati.

E’ evidente che le divergenze maggiori si registrano sulle tipologie contrattuali perché l’idea del Governo è quella di superare alcuni articoli che finora hanno costituito l’anima dello Statuto dei lavoratori: l’articolo 18 che regola i licenziamenti illegittimi, l’articolo 4 che vieta il controllo a distanza dell’attività dei lavoratori e l’articolo 13 che tutela il lavoratore dal demansionamento.

> Cosa cambia con Renzi nell’articolo 18






Tags:

Lascia una risposta