Sveva Belviso fonda l’Altra Destra

5 ottobre 2014 21:220 commenti

Le spaccature, ormai, sono all’ordine del giorno in tutti i partiti e le compagini politiche. Il Centrosinistra, che delle spaccature e delle correnti ha fatto il suo punto di forza negli anni, adesso ne paga le conseguenze. Idem il Centrodestra. Ecco perché.

Chi conosce un partito che non sia in crisi alzi la mano! Nessuno? In effetti, oggi come oggi, ci sono moltissime occasioni di contrasto anche in seno ad uno stesso movimento o partito che dir si voglia. Tutti, quindi, sono costretti a ritrovare un’identità con cui proporsi agli elettori.

Ci sta provando Silvio Berlusconi che vuole ripartire dai Circoli Forza Silvio sul territorio per ridare vitalità a Forza Italia, portando però quest’ultima al fallimento tecnico.

> Berlusconi prepara il nuovo partito, sarà Forza Berlusconi?

Dovrà ripensare alla sua identità anche il Movimento Cinque Stelle che in 5 anni ha cercato una forma plausibile ma poi ha dovuto fare i conti con le epurazioni, gli addii, gli scontri interni. È stato un movimento sottovalutato ma adesso si deve procedere con la rivalutazione.

> Tesseramento in crisi per il PD di Renzi

Il PD di Renzi deve capire bene in che direzione andare, magari senza sterzare troppo a destra visto che ha perso 400 mila tesserati in un anno e adesso si trova a combattere una lotta intestina sui temi del lavoro.

> Renzi da Assisi cita San Francesco a parla di riforme

Non se la passa meglio il Centrodestra, soprattutto dopo la notizia dell’abbandono di NCD da parte della capogruppo di Roma Sveva Belviso. È stata lei a dire di voler fondare un altro partito che si chiama l’Altra Destra e dovrebbe essere presentato il prossimo 18 ottobre. La sua idea è quella di allontanarsi da un partito, quello alfaniano, troppo vicino a Renzi, per riscoprire il vero valore della destra liberale.

Tags:

Lascia una risposta