Taglio ai vitalizi, la Lega protesta

2 febbraio 2012 15:160 commenti

Giuseppe Consolo, presidente del Consiglio di giurisdizione di Montecitorio, ha fatto sapere che sono stati presentati ventisei ricorsi contro i tagli ai vitalizi dei parlamentari, di cui 15 fatti da membri della Lega, 7 del Pdl, tre dell’Ulivo e uno del Partito della Rifondazione Comunista.

Consolo ha fissato la riunione per parlare di questa questione il 18 febbraio alle ore 13, anche se da quello che emerge sono solamente tre i deputati in carica ad aver presentato il ricorso. Gli altri ex politici che si appellano alle nuove leggi sono deputati che hanno esercitato un ruolo nel 1994 per una o due legislature e che secondo il vecchio ordinamento avrebbero dovuto percepire un vitalizio dopo aver compiuto i 50 anni di età.


Secondo le nuove disposizioni, ora dovranno aspettare i 60 o i 65 anni nel caso in cui abbiamo operato in politica per un solo mandato. Osservando con più attenzione i dati presentati dal presidente del Consiglio di giurisdizione di Montecitorio spiccano i nomi dei leghisti, infatti hanno fatto appello Elisabetta Castellazzi, Franca Valenti, Roberta Pizzicara, Diana Battaggia, Enrico Cavaliere, Oreste Rossi, Alberto Bosisio, Francesco Stroili, Edouard Ballaman, Flavio Bonafini, Fabio Padovan, Salvatore Bellomi, Roberto Asquini, Giulio Arrighini. Sembra invece essere pienamente d’accordo con le nuove disposizioni un deputato Fli, il quale definisce il taglio un bell’esempio di coerenza politica sottolineando che andrebbe ridotto anche il numero dei parlamentari e la somma da destinare ai partiti politici italiani.






Tags:

Lascia una risposta