Vendola ha paura di essere aggredito da omofobi a Roma

5 febbraio 2013 16:210 commenti

Nichi Vendola ha paura. Teme gli attacchi da parte di omofobi quando esce di casa la sera a Roma.

Il leader di Sinistra e Libertà ha dichiarato: “Questo clima mi impone di limitare gli spazi della mia vita privata. Sono portato a espletare ogni mossa con molta prudenza. Se a Roma di sera mi viene voglia di fare due passi da solo, non li faccio. Devo declinare gli inviti e impedirmi questo ‘piacere’». Queste le parole del Segretario di Sel. Nichi Vendola si è sfogato durante un’intervista al Fatto Quotidiano.

Sulle colonne del giornale Vendola ha lanciato per l’ennesima volta l’allarme omofobia successivamente agli insulti pubblicati su Facebook da un militante di Casapound.

A quest’episodio virtuale si aggiungano le scritte apparse al Liceo Tasso di Roma, il giorno seguente.

Il direttore del Fatto Antonio Padellaro ha intanto fatto richiesta a tutti i leader politici di dare, con un ‘coming out’ comune, la solidarietà a Vendola per gli insulti.

L’attacco alla gestione Alemanno


Vendola fa il punto sul presente nella Capitale: “A Roma negli anni di Alemanno ho visto lo sdoganamento dei piccoli gruppi dediti all’igiene del mondo”.

Ma per il Presidente della Regione Puglia il problema è di livello nazionale.

Vendola ha infatti allargato la visuale dicendo:

“In Italia, il fatto che io sia insultato da fascisti e nazisti di vari network non è neanche oggetto di rammarico. Questo è lo Stato in cui il sigillo di normalità lo ha messo Giovanardi. Qui un certo ambiente ecclesiastico impedisce perfino che si facciano norme per sanzionare la violenza”.

La proposta dei Matrimoni Gay

Il Governatore della Puglia ha poi annunciato che nei prossimi giorni esporrà una proposta di legge per i matrimoni gay, dicendo: «Non ho sciolto il mio partito nella coalizione: se andremo al governo rispetteremo il programma, ma siamo liberi di presentare le nostre proposte»,

La risposta di Alemanno

Su Twitter, intanto, il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha così risposto alle accuse del Leader di Sel: “Vendola offende Roma. Dall’europride del 2011 a ogni gaypride la nostra città ha sempre garantito accoglienza e rispetto per tutti”.






Tags:

Lascia una risposta