Allergia al nickel – Presto il vaccino in capsule per via orale

13 agosto 2014 12:200 commentiDi:

farmaci 5

Potrebbe presto arrivare una nuova cura per l’allergia al nickel, una delle più insidiose e diffuse allergie dei nostri tempi. Il nickel, infatti, è un materiale a basso costo usato per la produzione di numerosi beni, tra cui soprattutto i dispositivi elettronici, come i tablet e gli smartphone. 

Allergia al nichel: sai riconoscerla?

In questo momento infatti in Italia è in sperimentazione un nuovo vaccino che avrebbe i suoi effetti contro l’allergia al nickel di tipo sistemico, quelle veicolata anche attraverso gli alimenti che colpisce la parte gastrointestinale. Questo vaccino oggi in sperimentazione sarebbe quindi in capsule e da assumere per via orale.

Come interpretare i sintomi del nostro organismo

A guidare la sperimentazione sulla terapia orale di ipersensibilizzazione al nickel sono gli allergologi dell’Università Cattolica – Policlinico Gemelli e dell’Università di Chieti, che hanno verificato gli effetti della terapia su una serie di pazienti colpiti da sindrome allergica sistemica al nickel (o SNAS), i quali riscontravano reazioni cutanee, come la dermatite da contatto e sistemiche, cioè di tipo gastrointestinale dopo l’ingestione di cibi contenenti la sostanza.

Oggi l’allergia al nickel riguarda il 30 per cento della popolazione, il 20 per cento della quale risulta fortemente allergico alla sostanza. Un picco della sua diffusione si è avuto anche in seguito ad una maggiore distribuzione tra la popolazione dei paesi industrializzati di cellulari e tablet, che ne possiedono grandi quantità.

Il vaccino in sperimentazione, invece, è in grado di ridurre sia i sintomi cutanei come l’orticaria o l’eczema disseminato, sia i sintomi sistemici di tipo gastrointestinale, anche se meno efficace in caso di dermatite da contatto.

I sintomi tipici di questa patologia, cioè dell’allergia al nickel, infatti sono i seguenti: orticaria, angioedema, eczema disseminato, meteorismo, dolori addominali, diarrea o stipsi.

Tags:

Lascia una risposta