Home / Salute / Allergie infantili: boom anche nella fascia 13-14 anni

Allergie infantili: boom anche nella fascia 13-14 anni

In Italia sempre più bambini, non solo piccolissimi ma anche ragazzini di 13-14 anni soffrono di allergie infantili. Per diminuire sensibilmente il rischio di incidenza la nuova frontiera della medicina prevede la somministrazione di probiotici in gravidanza, durante la fase di allattamento materno e nel periodo immediatamente successivo alla nascita. Intervenire in queste fasi può avere effetti nel lungo termine. Vediamo quali sono le potenzialità di questo nuovo approccio scientifico.

BAMBINI IN VACANZA: CONSIGLI PER LE ALLERGIE

L’attenzione della medicina su questo fronte è sempre stata alta ma questa è la prima volta che l’Organizzazione Mondiale per le Allergie (WAO) raccomanda l’uso dei probiotici come un valido strumento di prevenzione dell’insorgere di allergie nei bambini e negli adolescenti. A porre l’accento sui vantaggi di questa cura è stato in primis un lavoro coordinato svolto all’interno dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesu’ di Roma. Lo studio si basa sull’applicazione del metodo Grade: un sistema in 10 step per arrivare a formulare raccomandazioni scientificamente fondate e affidabili. Il sistema è partito dai numeri aggiornati e preoccupanti dell’aumento di allergie e ha individuato possibili cause e soluzioni. Tra le cause di questa maggiore incidenza, soprattutto nei bambini e negli adolescenti dei Paesi Occidentali, ci sarebbe secondo i medici la riduzione del contatto diretto con la natura e quindi con gli animali e più in generale il sempre minor tempo passato nella vita all’aria aperta e la minore esposizione al sole. Questi fattori incidono sul sistema immunologico spingendolo inevitabilmente a cambiare per adattarsi al nuovo stile di vita. Per questo i bambini di oggi sviluppano più allergie. Il consiglio per i genitori quindi è quello di abituare fin da piccoli i bambini a vivere a contatto con la natura.

CONSIGLI PER LE ALLERGIE NEI BAMBINI