Cos’è l’amiloidosi? Quali sono i sintomi di questa malattia?

12 febbraio 2014 10:020 commentiDi:

tumore-fegato

Basta un vecchio anti infiammatorio per curare, o almeno per assicurare una maggiore aspettativa e qualità della vita, per i malati di amiloidosi: si tratta del Diflunisal, un farmaco che in Italia non è più in commercio da molti anni.

La scoperta è stata effettuata in Italia un team di ricercatori dell’Irccs San Matteo di Pavia, che, insieme ad altri cinque istituti, negli anni è diventato uno dei centri di riferimento per i malati di amiloidosi di tutto il mondo.

Si tratta di una scoperta che potrebbe cambiare il destino di tantissime persone che, finora, non avevano alcuna speranza di guarire da questa malattia, neanche sottoponendosi ad interventi rischiosi ed invasivi come il trapianto di fegato, operazione che solo in pochissimi casi è riuscita a dare qualche risultato.

Grazie al Diflunisal, invece, la malattia, in special modo se scoperta precocemente, può essere debellata. Il problema è che questo farmaco non è disponibile in Italia: al momento i pazienti che si rivolgono all’Irccs San Matteo di Pavia vengono curati con farmaci acquistati all’estero, ma si spera che presto l’Aifa reintroduca il Diflunisal nel prontuario.

Cos’è l’amiloidosi

L’amiloidosi, termine con cui si indica una serie di patologie che possono interessare vari organi, è un’alterazione del metabolismo e della conformazione delle proteine. In pratica, il fegato dei malati di amiloidosi produce delle proteine che si depositano sui tessuti di vari organi provocandone la disfunzione, un processo, questo, che se non bloccato porta prima alla paralisi e poi alla morte.

Quali sono i sintomi dell’amiloidosi?

Essendo una malattia che può colpire diversi organi, l’amiloidosi dà sintomi diversi in base all’organo interessato dal deposito delle proteine. I sintomi più comuni di questa patologia sono gonfiore delle gambe
, difficoltà nella respirazione e affaticabilità.

L’amiloidosi può manifestarsi anche con un aumento delle dimensioni del fegato, svenimenti, calo del peso corporeo e, raramente, con delle macchie rosse sulla pelle.

Tags:

Lascia una risposta