Annullato divieto vendita maxi-bibite a New York

12 marzo 2013 14:140 commenti

Quella che Michael Bloomberg, sindaco di New York, stava conducendo era una vera e propria crociata della salute.

Oggi, però, la sua battaglia si è fermata. I giudici hanno annullato il divieto di vendita degli enormi bicchieroni di bibite zuccherate, statuito tempo fa dal primo cittadino della Grande Mela.

Per la magistratura si tratta di un divieto “arbitrario”, nonché del “frutto di un capriccio”.

La norma di Bloomberg sarebbe entrata in vigore domani. Non sarà, però, così. A prendere la decisione è stato Milton Tingling, Giudice della Corte Suprema dello Stato di New York, Milton Tingling, il quale ha accettato il ricorso dell’American Beverage Association e di altre aziende che avevano citato in giudizio il sindaco sfidando il suo bando.

Misura anti-obesità

Quella di Bloomberg voleva essere una misura anti-obesità, uno degli annosi problemi che affliggono gli Usa. Capita molto spesso di vedere teenagers e adulti cibarsi di hot dog e accompagnare la digestione con enormi bicchieri colmi di bevande gassate. Per questo motivo, Bloomberg aveva imposto una multa di 200 dollari al superamento del limite consentito dalla legge. Una misura per certi versi bizzarra, che però avrebbe avuto la sua efficacia. Per Tingling, però, si tratterebbe di una violazione di libertà.

Tags:

Lascia una risposta