Applicazione per riconoscere i funghi velenosi dal Ministero della Salute

24 ottobre 2012 11:020 commenti

A fronte dei numerosi casi di intossicazione da funghi velenosi registrati nel corso delle ultime settimane, alcuni dei quali sono stati seguiti da trapianti di fegato o addirittura dall’insorgenza di complicazioni che si sono rivelate fatali per i soggetti colpiti, il Ministero della Salute ha reso disponibile sul suo sito internet un’applicazione gratuita, disponibile sia per dispositivi Android che per dispositivi Apple, che ha lo scopo di aiutare a riconoscere i funghi velenosi, nella speranza che questa iniziativa possa servire almeno a ridurre i casi di intossicazione da funghi.

L’applicazione in realtà contiene due diversi opuscoli, scaricabili anche singolarmente dallo stesso sito del Ministero, ovvero: “I funghi: guida alla prevenzione delle intossicazioni” e il decalogo intitolato “Consumare funghi… in sicurezza”.


Nel decalogo contenente le dieci regole per non correre rischi di questo tipo gli esperti raccomandano di non consumare i funghi raccolti senza averli fatti prima controllare da un micologo esperto (per farlo basta rivolgersi alla propria Asl); di consumarne sempre  quantità moderate; di non somministrare i funghi ai bambini e alle donne in gravidanza;  di consumare solo funghi in perfetto stato di conservazione, ben cotti e di masticarli correttamente; di sbollentare sempre i funghi prima del congelamento e di consumarli entro sei mesi; di non consumare funghi raccolti lungo le strade o vicino a centri industriali; di non regalare i funghi raccolti se non controllati; di fare attenzione ai funghi conservati sott’olio, nei quali si può sviluppare la tossina del botulino.

Infine, qualora dopo aver mangiato dei funghi si dovessero manifestare sintomi come vomito, diarrea o altri disturbi bisogna recarsi immediatamente al pronto soccorso portando con sé i resti dei funghi mangiati, cotti o crudi, o gli scarti della loro pulizia.

Per scaricare gli opuscoli o l’applicazione cliccare qui






Tags:

Lascia una risposta