Aumentare il colesterolo buono nel sangue: la verità su stile di vita e farmaci

29 gennaio 2014 11:301 commentoDi:

colesterol

Ridurre i livelli di colesterolo nel sangue è il modo migliore per mettersi al riparo dai rischi di malattie cardiovascolari, come infarto e ictus.

Questo è ormai un fatto risaputo, come anche è piuttosto nota l’esistenza di due tipi di colesterolo nell’organismo umano: il colesterolo HDL, ovvero quello cattivo, responsabile della formazione di placche nei vasi sanguigni che riducono l’afflusso del sangue, e il colesterolo HDL, ovvero il colesterolo buono, necessario per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo.

Il modo migliore per avere dei livelli ottimali di entrambe le sostanze nel sangue è tenere una dieta sana ed equilibrata, ricca di tutti quegli alimenti che contengono, a loro volta, le sostanze necessarie  per aumentare i livelli di HDL e diminuire quelli di LDL.

► Alimenti che contengono il colesterolo buono (HDL)

Ma la dieta da sola non basta a mantenersi sani: per ridurre realmente il rischio di soffrire di patologie a carico del sistema cardio circolatorio è necessario anche modificare alcune abitudini della vita quotidiana.

Cambiare lo stile di vita per ridurre il colesterolo cattivo 

Smettere di fumare

Smettere di fumare può aumentare il colesterolo HDL fino al 10 per cento. Certo, smettere con le bionde non è facile, ma si possono sensibilmente aumentare le probabilità di successo con delle strategie mirate: fatevi consigliare dal vostro medico di fiducia per identificare il metodo più adatto a voi.

Fare attività fisica aerobica

Già dopo due mesi dall’inizio di un allenamento aerobico il livello di colesterolo buono HDL nel sangue aumenta del 5 per cento. Sono sufficienti anche solo 30 minuti al giorno di attività quali aerobiche quali passeggiate, corsa, ciclismo, nuoto, basket e altri sport per migliorare sensibilmente le condizioni di salute.

Perdere peso

Il peso in eccesso non solo aumenta i livelli del colesterolo LDL, ma riduce quelli di colesterolo HDL. Perdere peso è molto importante soprattutto per quelle persone che tendono ad accumulare il grasso in eccesso nella zona addominale.

Aumentare i livelli di colesterolo buono nel sangue e, al contempo, diminuire quelli di colesterolo cattivo, quindi, non è poi così difficile e l’obiettivo può essere raggiunto anche senza l’utilizzo dei farmaci, rimedio che molte persone che non vogliono impegnarsi nella dieta e nell’esercizio considerano come la soluzione più facile.


Ma non è così, perché i farmaci, se da un lato hanno degli effetti benefici, hanno sempre anche delle controindicazioni che possono essere anche gravi.

La verità sui farmaci per aumentare il colesterolo buono nel sangue 

Fino a qualche tempo fa c’era un generale entusiasmo intorno a delle classi di farmaci indicate come particolarmente efficaci nell’aumentare i livelli di colesterolo buono nel sangue, entusiasmo che, in breve tempo si è esaurito, in quanti questi farmaci, anche se hanno dimostrato, almeno in alcuni casi, di riuscire a controllare il livello di colesterolo HDL, non hanno sortito effetti importanti per il colesterolo HDL e, spesso, si sono anche dimostrate difficilmente tollerabili da parte dei pazienti.

Statine

Un esempio sono le statine, classe di farmaci molto utile nella riduzione del colesterolo LDL – le statine sono sostanze che bloccano la formazione di colesterolo nel fegato che, quindi, prenderà dal sangue quello necessario al suo funzionamento, hanno dimostrato una grande efficacia sul colesterolo cattivo, ma non sono generalmente molto efficaci ad aumentare i livelli di HDL.

Niacina

Per anni, la niacina – una delle vitamine B – è stata il cardine della terapia farmacologica per aumentare i livelli di HDL, ma solo se assunta in quantità molto alte.

Inoltre, la niacina ha varie forme, ma solo l’acido nicotinico ha dimostrato di essere efficace allo scopo. Purtroppo i farmaci a base di acido nicotinico hanno degli effetti collaterali come rossore, prurito e vampate di calore, che, anche se non gravi, possono risultare particolarmente fastidiosi per il paziente.

A parte questi inconvenienti, due recenti studi clinici, hanno dimostrato che anche se  l’assunzione di questa sostanza aumenta i livelli di HDL nel sangue, questo non si associa ad un miglioramento nei risultati cardiovascolari e, fatto ancor più grave, il trattamento con niacina è stato associato ad un aumentato rischio di ictus e un aumento complicanze diabetiche.

Combinazione di più farmaci

L’assunzione combinata di niacina, colestiramina e gemfibrozil si è dimostrata molto utile nell’aumentare il livello di colesterolo buono nel sangue, ma questo trattamento farmacologico combinato viene prescritto solo nei casi più gravi in quanto è particolarmente difficile da tollerare per il paziente e non ci sono ancora degli studi clinici che abbiano dimostrato inconfutabilmente gli effetti benefici del trattamento.

Inibitori CETP

Molte grandi case farmaceutiche in questi ultimi anni hanno sponsorizzato con entusiasmo una nuova classe di farmaci, i cosiddetti inibitori CETP, che si sono rivelati poi essere una grande delusione: questi farmaci hanno effettivamente aumentato i livelli di HDL nel sangue, ma questo aumento non è stato associato ad una effettiva riduzione di rischio cardiaco, al contrario, gli studi iniziali sembrano mostrare un peggioramento di questo rischio.

 






Tags:

1 commento

  • interessante articolo su un tema così importante! Personalmente, avendo padre e nonni paterni con il colesterolo alto e con problemi di aterosclerosi coronarica, sono sempre stato molto preoccupato per i valori del colesterolo nel sangue. Sono un ragazzo di 35 anni di 170 cm per 66 kg di peso e fisico discretamente muscoloso ed asciutto. I miei valori standard sono sempre stati intorno al 200 di colesterolo totale con 50 di HDL. Da qualche anno sto svolgendo attività aerobica ed anaerobica, ho ridotto il consumo di carne ed aumentato quello di frutta e verdura ottenendo così un sensibile miglioramento dei livelli di colesterolo. Dalle ultime analisi ho avuto questi risultati: 169 di colesterolo totale e 65 di HDL, ora mi sento più tranquillo. Grazie!

Lascia una risposta