Bambini sempre più corpulenti, servono più dosi di antibiotici

21 dicembre 2011 07:530 commenti

Oggigiorno, i bambini sono molto più corpulenti rispetto a quelli delle generazioni precedenti, e perciò avrebbero la necessità di assumere dosi più elevate di penicillina per raggiungere l’effetto dell’antibiotico.

Questa è la principale conclusione di una ricerca, effettuata dal King’s College di Londra, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sul British Medical Journal.

Dopo questo studio, diversi specialiste considerano che è giunta l’ora di aggiornare le linee guida sulla somministrazione della penicillina in pediatria.

Bambini di taglia superiore

Secondo lo studio, i bambini di oggi hanno un peso di oltre il 10% in più rispetto a quelli del 1963, raggiungendo all’età di 5 anni una media di 21 kg e ai 10 anni, a 37 kg. Di conseguenza, la dose calcolata per i pazienti pediatrici dovrebbe aggiustarsi, aumentando la quantità di penicillina per riuscire a combattere le infezioni in maniera efficace.


Le dosi di penicillina negli adulti si decidono sulla base del peso del paziente, in maniera proporzionale attraverso un semplice calcolo, moltiplicando una certa quantità nota di milligrammi di farmaco per ogni chilogrammo di peso del paziente.

Nei bambini invece, tradizionalmente i medici hanno prescritto dosi pre-calcolate secondo l’età del paziente, dato che il peso medio dei bambini di norma è piuttosto standard.

Tuttavia, gli scienziati hanno visto che i pesi considerati tradizionalmente come standard per i più piccoli starebbe cambiando con gli anni, e di conseguenza andrebbero modificate anche le dosi di penicillina.

Le dosi di cinquant’anni fa potrebbero non essere sufficienti, oggi. La taglia dei bambini sta lentamente, ma significativamente, cambiando”, ha dichiarato Paul Long, uno degli autori dello studio.

I ricercatori concludono con un appello alla comunità medica, per far sì che si rivedano i principi guida sulla prescrizione degli antibiotici in pediatria.






Tags:

Lascia una risposta