Batteri sempre più resistenti agli antibiotici

16 novembre 2013 14:180 commentiDi:

farmaci 3

Gli antibiotici sono farmaci molto comuni ce vengono somministrati quando nel corpo è in corso un’infezione batterica. Una scoperta che ha rivoluzionato il mondo della medicina ma che adesso, dopo anni di uso e spesso di abuso di questo tipo di medicinali, ha mostrato il rovescio della medaglia: i batteri sono diventati più resistenti ai trattamenti farmacologici al momento disponibili.


E’ questo l’allarma che ha lanciato l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) in occasione della Giornata degli antibiotici, mettendo in evidenza come negli ultimi quattro anni batteri molto pericolosi come l’Escherichia coli e la Klebsiella pneumoniae siano più difficili da combattere con i trattamenti normalmente somministrati.

I batteri come quelli citati sopra, sono in grado di provocare infezioni al’interno del corpo umano sia da soli che combinandosi con altre tipologie di microorganismi dando vita ad infezioni multi-resistenti quasi impossibili da curare. A questo si aggiunge che negli ultimi anni tra le resistenze agli antibiotici al momento utilizzati – cefalosporine di terza generazione, fluorochinoloni ed aminoglicosidi – si è aggiunta quella ai carbapenemi, antibiotici di ultima generazione.






Tags:

Lascia una risposta