Home / Salute / Benessere mentale con una sana alimentazione

Benessere mentale con una sana alimentazione

Una corretta alimentazione è sicuramente un valido strumento per prevenire molte malattie. E con il termine malattie intendiamo sia quelle fisiche che quelle mentali. Insomma mantenersi in forma per la salute del proprio corpo e della propria mente. A rivelarlo sono stati i membri della Melbourne e della Deakin University. Esiste dunque una relazione tra la qualità della nostra alimentazione, il rischio di potenziali carenze nutrizionali e il nostro livello di salute mentale. Il benessere psicologico nasce proprio dall’introduzione di alcuni nutrienti. Basti pensare al cioccolato.

Quanti tra noi nei momenti di cattivo umore hanno il desiderio di cioccolata? E quanti prima di andare a dormire non hanno voglia di latte e biscotti? Tutto dipende dalla serotonina, dall’ormone del benessere che agisce sull’appetito e sulla sessualità, dona sensazioni di piacere, calma e relax. Questa volta però lo studio è un po’ più sottile. Molti nutrienti agiscono proprio sul nostro benessere mentale. Facciamo qualche nome: omega-3, vitamine del gruppo B (in particolar modo acido folico e vitamina B12), ferro, zinco, magnesio, vitamina D, amminoacidi e così via aiutano il nostro cervello a mantenersi vivo e attivo. Notizie inquietanti arrivano dalla Gran Bretagna. Alcuni ricercatori hanno infatti notato che oltre alle abitudini alimentari anche i metodi di produzione degli alimenti alterano in maniera negativa i nutrimenti assunti con l’alimentazione e di conseguenza lo stato della nostra salute mentale. Cibi pronti, tecniche di allevamento diverse non fanno altro che modificare i nutrienti dei cibi che consumiamo quotidianamente. Introducendo più grassi saturi e meno acidi grassi essenziali: i primi rallentano le funzioni celebrali, i secondi, specie i grassi omega-3 ed omega-6 sono dei veri toccasana per il funzionamento del cervello. Insomma un’alimentazione equilibrata, attenta e corretta è la scelta migliore per garantirsi un corretto funzionamento celebrale. Sintetizziamo: sono fondamentali gli zuccheri semplici, i grassi polinsaturi omega-3 ed omega-6, i monoinsaturi (come l’olio extravergine di oliva), vitamine e minerali.