Home / Salute / Bullo di Modica: ketoprofene non steroideo nel farmaco che obbligava a sniffare

Bullo di Modica: ketoprofene non steroideo nel farmaco che obbligava a sniffare

Emergono i primi dettagli dell’incredibile vicenda che è avvenuta a Modica, nel ragusano, dove un ragazzo di appena 14 anni è stato denunciato dagli inquirenti per i ripetuti atti di bullismo che avrebbe posto in essere contro sui coetanei o ragazzi addirittura più piccoli. Il modo di agire del piccolo bullo era sempre lo stesso. E’ stato infatti accertato che il suo perverso divertimento era quello di costringere le sue vittime a sniffare farmaci in polvere che lui stesso poteva sotto al loro naso. Nel caso in cui le vittime si fossero rifiutate di compire quest’atto, ecco che il bullo passava alla seconda fase del suo modo di agire con minacce di ogni.

Gli episodi accertati dagli inquirenti sarebbero innumerevoli e anche il farmaco che il ragazzo di Modica faceva sniffare alle sue vittime era sempre lo stesso. Si trattava, infatti, dell’Oki, farmaco a base di ketoprofene, di facile reperibilità visto che viene utilizzato normalmente per curare raffreddori, stati febbrili, mal di testa oltre che come antidolorifico e antipiretico. Un farmaco di uso frequente che il 14enne poteva tranquillamente trovare nella propria abitazione e poteva portare con se senza destare sospetti di alcun tipo.

Il ketoprofene è un preparato farmaceutico che, di per se, non fa assolutamente male anzi è benefico in innumerevoli campi ed è alla base di numerose terapie per il miglioramento della salite. Il reale problema, hanno evidenziato gli sessi inquirenti sulla base dei rapporti di medici e ricercatori, è l’uso improprio che viene fatto di questo farmaco. Il ketoprofene, infatti, se sniffato, proprio come si fa con la cocaina, può avere effetti gravissimi sulla salute dell’individuo. Ed è stato appunto questo il rischio che hanno corso le tante vittime del bullo di Modica.

Le indagini degli inquirenti hanno accertato che gli atti di bullismo avvenivano molto spesso durante la ricreazione o le ore buca in aula o in assenza degli insegnanti. La sniffata di bustine di farmaci è una “moda” che da tempo è presente in Usa, con gravi rischi per la salute di migliaia di adolescenti.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *