Home / Salute / Batteri mangiacarne shock, muore bimbo di 8 anni caduto dalla bici

Batteri mangiacarne shock, muore bimbo di 8 anni caduto dalla bici

Nel caso in questione si tratta di una storia che ha come protagonista un bambino di 8 anni, che a seguito di una banale caduta dalla bicicletta, a distanza di poche settimane ha perso la vita a causa di una grave infezione batterica provocata dai cosiddetti “batteri mangia-carne”, considerati particolarmente aggressivi e che già in passato sono stati al centro di altre storie analoghe.

La storia che stiamo per raccontarvi ha davvero dell’incredibile ed ha come protagonista un bambino il quale è caduto e si è ferito all’inguine con il manubrio. Fin qui niente di particolare visto che si tratta di un incidente che capita molto spesso ai bambini di 8 anni proprio come il protagonista della storia. Si chiama Liam flanagan ed è un bambino di 8 anni il quale vive a Pilot Rock nello stato dell’Oregon. Purtroppo in seguito alla caduta, il bambino ha dovuto attraversare davvero un calvario durato circa 8 giorni culminati con il suo decesso. Secondo quanto riferito il bambino sarebbe stato ucciso da un batterio mangiacarne. In seguito all’incidente, la madre lo avrebbe accompagnato al pronto soccorso perché la ferita sembrava piuttosto profonda e i medici avrebbero ricostruito il taglio con 7 punti di sutura e tutto sembrava essere finito lì.

Purtroppo però dal Dopo alcuni giorni Liam avrebbe cominciato a lamentare dei forti dolori e la ferita cominciava a diventare sempre più rossa, tanto da arrivare anche a gonfiarsi. Quindi la mamma preoccupata inizialmente ha cercato di tamponare, alleviando i dolori del piccolo somministrando degli analgesici ma poi quando la situazione si è fatta davvero grave, ha deciso di portare il figlio in ospedale dove i medici hanno diagnosticato una fascite necrotizzante ovvero una malattia batterica che è molto aggressiva e che nel 30% dei casi purtroppo porta alla morte.

Sono stati i batteri mangiacarne a non lasciare scampo al piccolo che per salvarlo i medici hanno davvero fatto di tutto arrivando persino ad amputargli arti, ma purtroppo non è stato sufficiente a fermare l’infezione e nel giro di poco tempo il bambino è deceduto. Era stato proprio il personale sanitario dell’ospedale pediatrico di Doernbecher, a Portland, spiegare ai genitori di Liam che sarebbe stato possibile bloccare il batterio mangia carne imputando Purtroppo gli arti al piccolo, ma come abbiamo già detto, questo purtroppo non è servito a salvargli la vita.

‘Fondamentalmente lo hanno tagliato pezzo per pezzo’, ha detto Scott Hinkle, il patrigno del bambino americano. La malattia in questione che è di natura batterica, Ovvero la fascite necrotizzante pare si sviluppi in modo piuttosto rapido ed aggressivo causando dapprima delle vescicole o delle bolle che nel giro di poco tempo diventano una necrosi dei tessuti sottocutanei poi portano ad uno shock settico ed infine alla morte. Nei casi  in cui viene diagnosticata in tempo, attraverso antibiotici e in alcuni casi la chirurgia, molti pazienti nonostante perdono gli arti riescono a sopravvivere Ma nel 30% purtroppo non hanno scampo. Generalmente questa malattia è provocata da una varietà molto ampia di batteri, ma il più comune è lo streptococco, mentre gli altri sono al Escherichia coli, aeromonas idrofila, lo Streptococcus aureus, Clostridium e Klebsiella.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *