Caduta dei capelli: Alopecia

8 settembre 2011 11:521 commento

Si definisce alopecia una perdita parziale o totale di peli e capelli. A volte ricrescono, ma non sempre, ciò dipende dalle cause della caduta.  

La calvizie è la forma più comune di alopecia. All’età di 30 anni, circa un terzo degli uomini presenta una calvizie, contro il 2%-5% nelle donne. 

Negli uomini, la calvizie si distingue con un diradamento della parte fronto-occipitale dei capelli. Più frequente con l’avanzamento dell’età, ma è determinante l’influenza ereditaria. 

Esistono altre forme di alopecia temporanea o permanente, causate da uno stress psico-fisico, da una malattia, da carenze alimentari o, raramente, di origine congenita. 

Nota. Se si perdono i capelli in maniera esagerata nel momento della spazzolatura quotidiana e durante il lavaggio, o soltando toccandosi la testa troviamo manciate di capelli tra le dita, è raccomandabile consultare subito uno specialista. Può essere il segnale di un’infezione della pelle, di una carenza nutrizionale o di un altro problema di salute che è meglio individuare entro breve termine, (ad esempio, psoriasi, lupus…). 

Sintomi dell’alopecia

  • perdita parziale o generalizzata di peli o di capelli  in modo improvviso o progressivo.

I segni precursori che possono essere legati all’alopecia sono: assottigliamente progressivo dello stelo, capelli opachi, prurito al cuoio capelluto, dolore zona radicolare del capello, eccesso di sebo e comparsa di forfora. 

Sono molto più colpiti dalla calvizie i caucasici rispetto agli asiatici, agli amerindi e agli africani. Le persone che hanno una familiarità all’alopecia sono maggiormente propensi nel contrarla. 

Una gravidanza, una perdita di peso importante, pesanti stress psichici o fisici, possono dar luogo ad una perdita improvvisa e temporanea dei capelli. Tuttavia, una volta sanata la causa, i follicoli piliferi (minuscole cavità presenti nel derma in cui si trovano le radici dei peli), ritornano in una fase attiva. La ricrescita riprende e appare dopo alcuni mesi. 

Prevenire l’alopecia 

Non esiste alcuna magia per prevenire l’alopecia, soprattutto quando è di origine ereditaria. In ogni caso, alcuni accorgimenti favoriscono la salute dei capelli. 

Ridurre il rischio d’infezione del cuoio capelluto, con una buona igiene dei capelli, evitando la condivisione di spazzole e pettini.

■ Seguire una corretta alimentazione per fornire tutti gli oligoelementi necessari ai peli e ai capelli.

■ Riservare uno spazio di tempo al relax.

■ Nel caso di trattamenti di radio o chemioterapia, alcune misure possono, a volte, limitare la perdita dei peli. Informatevi presso il team sanitario che vi segue. 

Trattamenti per l’alopecia 

Cure mediche

Il trattamento dipende sempre dalla causa. In caso di alopecia temporanea (stress, gravidanza, ecc.), raramente viene prescritta una cura. 

In caso di calvizie a volte è possibile rallentare la caduta dei capelli e stimolare la ricrescita per mezzo di farmaci. L’effetto terapeutico di questi medicamenti, tuttavia, smette, non appena si sospende la cura. Per questo motivo molte persone optano per il decorso del ciclo fisiologico naturale. 

  • Soluzioni di minoxidil 5% (Rogaine), in libera vendita, si usano in forma liquida o in schiuma. Generalmente è ben tollerata, ma a volte può causare un’irritazione locale.
  • Finasteride (Propecia e Proscar) è un prodotto da  consumare per via orale, sotto forma di compresse. Aiuta a rallentare la perdita dei capelli. È destinato agli uomini.
  • Spironollattone. Per le donne, quando il minoxidil non è efficace da solo.
  • Pillola contraccettiva. Alcune hanno un effetto antiandrogene (Yasmin, diane-35) e tutte le pillole che contengono del Desogestrel o del Norgestimato.
  • Ricrescita dei capelli. Si tratta della sola opzione duratura. Possono essere utilizzati alcuni metodi chirurgici, il più popolare è la tecnica dei micro-innesti. 

Nota. Shampo contro la caduta dei capelli sono molto poco efficaci. Al massimo, possono coadiuvare un trattamento contro la psoriasi, ma non avranno alcun effetto contro la calvizie. 

Prodotti di salute naturali o trattamenti complementari. Nessun trattamento complementare si è dimostrato valido per il trattamento dell’alopecia.  Nessun trattamento specifico è stato oggetto di ricerca scientifica, pertanto dagli esperti non viene raccomandata alcuna terapia alternativa, nei casi di alopecia. 

Articolo correlato: Incubi alzano livelli di stress 

Ultimo aggiornamento 08 settembre  2011 ore 13,50

Tags:

1 commento

  • Concordo con gran parte di quanto scritto nell’articolo, non sono però pienamente daccordo quando leggo che non esistono metodi e trattamenti del tutto naturali per combatterla. Attualmente infatti esistono diversi accorgimenti (testati e comprovati) soprattutto naturali (dalla ginnastica facciale alla musicoterapia) associati a corrette abitudini di vita e alimentari (ad es. l’uso di integratori naturali come “Restorate” “Saw Palmetto” ecc.) che permettono di scongiurare anche definitivamente il verificarsi della calvizie comune, oltre naturalmente a bloccarla quando è già in atto e a favorire una naturale ricrescita. Al contrario raccomanderei la massima attenzione e prudenza nell’utilizzo del minoxidil, nell’alopecia femminile infatti va utilizzato solo esclusivamente a seguito di diagnosi precisa e prescrizione di un esperto dermatologo tricologo, diversamente può diventare una vera e propria “bomba ad orologeria” che esplode quando meno te lo aspetti accelerando di colpo la caduta dei capelli. Inoltre se a seguito di un consulto medico si dovesse decidere di smettere il trattamento non bisogna farlo assolutamente in modo drastico ma bensì in modo molto graduale altrimenti si rischia di peggiorare terribilmente la situazione. Per il resto la prima cosa da fare secondo me (oltre a consultare subito un buon dermatologo, tricologo), sono gli esami del sangue mirate con particolare attenzione a emocromo, ferro, ferritina, magnesio, rame, zinco, acido folico, vit. B12 e della tiroide TSH, FT3 e FT4, in modo che dalle risultanze dei valori “fuori parametro” si possano dedurre le informazioni preziose per la corretta terapia. Puoi trovare e approfondire gratuitamente questi argomenti nel Blog: cadutacapellistop.it
    Saluti, Giò

Lascia una risposta