Calcolare il rischio di morte per malattie cardiovascolari

17 dicembre 2012 14:180 commentiDi:

Anche l’ultimo rapporto sullo stato di salute globale dell’uomo ha individuato nelle malattie cardiovascolari le patologie più diffuse a livello mondiale, nonostante l’allungamento della vita media.

 Il rapporto sullo stato di salute dell’uomo

Ora un software online, chiamato Mecki, ovvero Metabolic Exercise Cardiac Kidney Index, sviluppato da un team del Centro Cardiologico Monzino di Milano, è in grado di calcolare il rischio individuale di morte per questo tipo di malattie.


► La salute del cuore in 5 punti

Mecki, in realtà, è il risultato di uno studio durato 3 anni che ha coinvolto quasi 3000 pazienti in diversi ospedali d’Italia. I ricercatori hanno preso in esame più di 500 variabili per comporre l’algoritmo sul quale il sistema si basa, individuando alla fine 6 fattori che risultano più decisivi per la sopravvivenza in caso di malattie cardiovascolari: emoglobina, sodio, funzionalità renale, frazione di eiezione ventricolare sinistra, picco di consumo dell’ossigeno ed efficienza ventilatoria sotto sforzo.

I ricercatori italiani hanno messo questo strumento online a disposizione di tutti, ma il suo uso è consigliabile comunque sotto la guida del proprio medico curante, in modo da interpretare in modo corretto i dati eventualmente forniti e non incorrere in inutili shock qualora il rischio di morte riportato fosse molto alto. Uno strumento, dunque, da usare con estrema cautela.






Tags:

Lascia una risposta