Home / Salute / Caso Teppa: corso di inglese per il dottore italiano sospeso da ospedale inglese

Caso Teppa: corso di inglese per il dottore italiano sospeso da ospedale inglese

E’ diventato un caso quello di Alessandro Teppa, il medico italiano da tempo in servizio presso un ospedale inglese che è stato sospeso per nove mesi dall’esercizio della sua attività perchè non in grado di esprimersi correttamente. Il tribunale inglese, presieduto dal giudice Davide Flinter, è stato inflessibile con il dottore italiano. Secondo la magistratura, il dottor Teppa, non essendo capace di esprimersi correttamente in inglese non è assolutamente in grado si svolgere nel migliore dei modi la sua professione poichè non è capace di interagire con i pazienti. Per la magistratura britannica, la non conoscenza della lingua inglese potrebbe costituire un serio pericolo.

La condanna per Alessandro Teppa è la frequentazione di un corso di inglese. Per la magistratura il dottor Teppa, quindi, può certamente tornare al suo ospedale e ai suoi pazienti, se sarà in grado di dimostrare di conoscere l’inglese e soprattutto di riuscire a sostenere una normale conversazione con i suoi pazienti.

Il provvedimento che è stato adottato contro Teppa è scaturito da un altro particolare. Il medico, residente in Gran Bretagna dal lontano 2012, era addirittura solito lavorare assieme ad un interprete che faceva da intermediario nei dialoghi tra lo stesso dottore italiano e i suoi pazienti. Secondo la magistratura britannica. proprio questo modo di fare. sarebbe stato potenzialmente in grado di creare dei pericoli per i pazienti.

Teppa, questo punto, dovrà frequentare un corso di inglese e cercare di imparare al più presto la lingua del paese che lo ospita. I giudizi del collegio, in pratica, gli hanno dato una possibilità da non sprecare per poter così essere riammesso normalmente in servizio presso lo stesso ospedale. Per ora Teppa è in Italia e sta frequentando dei corsi in attesa, poi, di tornare a sottoporsi allo stesso esame di inglese che lo ha visto bocciato per ben due volte.