Che cosa provoca la sindrome da marito in pensione

28 agosto 2014 18:140 commentiDi:

pensione reversibilità

I sospirati anni della pensione sono i più felici? Non la pensano probabilmente così molti italiani che si trovano a vivere questa situazione, e in particolare le mogli casalinghe che dopo anni di solitario dominio sull’ambiente domestico, alla messa a riposo del marito, si trovano a dover improvvisamente condividere gli spazi con il proprio coniuge. 

Cure omeopatiche contro la “sindrome da rientro”

Il rientro del marito nell’ambiente domestico e la sua permanenza in casa per tempi molto più lunghi rispetto a quelli della vita lavorativa attiva, 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno, producono in molte donne delle reazioni del tutto particolari che possono sfociare in uno stato di malessere. Le mogli, infatti, abituate ad avere il marito lontano, hanno bisogno di metabolizzare questo passaggio in tempi più lunghi.

Che cos’è la sindrome dell’intestino permeabile

Sulla base di una serie di evidenze cliniche è stata allora elaborata da parte di alcuni ricercatori italiani una ricerca relativa alla sindrome da marito in pensione, la malattia che appunto colpisce le mogli in seguito alla messa ai riposo dei mariti. La sindrome si può configurare come una serie di stati di malessere all’interno dei quali sono riconducibili in prevalenza sintomi come:

  • ansia
  • insonnia
  • mal di testa
  • depressione.

Questa sindrome, anche se poco conosciuta alla platea dei pazienti, ad oggi è stata riconosciuta nella maggior parte dei paesi del mondo, specialmente in quelle società in cui mogli svolgono in prevalenza l’attività di casalinghe e i mariti sono soliti lavorare fuori casa. Il Giappone, ad esempio, è uno dei paesi in cui la sindrome viene maggiormente avvertita a livello sociale.

Questa patologia è stata di recente oggetto di ulteriori ricerche che hanno dimostrato come la sindrome si manifesti ancora più intensamente nelle mogli che continuano a lavorare dopo il pensionamento del marito.

 

 

Tags:

Lascia una risposta