Che cos’è la malaria

1 maggio 2013 11:480 commentiDi:

africaLa malaria è al giorno d’oggi una malattia ormai debellata in molte parti del mondo, tra cui l’Europa, dove arriva per vie traverse, ma endemica in Paesi come l’ Africa e l’ India. Secondo le stime dell’ Oms, in tutto il mondo le persone affette da questa malattia sono circa 219 milioni.

La malaria è in realtà una infezione causata da un parassita (plasmodium), il falciparium, che vive come ospite all’ interno della zanzara del genere Anopheles, che ha una vita compresa tra le 3 e le 6 settimane e preferisce climi che non scendano sotto i 18 gradi.

Rischi per i viaggiatori in posti esotici e non

La zanzara si nutre di nettare di fiori e sangue, per cui punge solo durante le ore notturne, ma la puntura provoca anche la contestuale trasmissione del parassita all’uomo.

Scoperto potenziale vaccino contro la malaria

Una volta entrato a contatto con il sangue umano, infatti, il parassita infetta le cellule del fegato dal momento che sono un ambiente ospitale alla sua riproduzione. Una volta che si è moltiplicato, poi, dalle cellule del fegato si riversa nuovamente nel sangue e si diffonde nel resto del corpo.

I sintomi della malaria si avvertono entro 15 giorni dalla puntura o dopo alcuni mesi: tra questi vi sono febbre, nausea, mal di testa, diarrea, sudorazione e tremori.

Tags:

Lascia una risposta