Che cos’è l’embolia polmonare

14 aprile 2014 15:430 commentiDi:

medico-lastra

Che cos’è l’embolia polmonare

L’embolia polmonare è una patologia che consiste nel blocco improvviso di una o più arterie polmonari a causa di un embolo, il quale ostacola il normale afflusso del sangue ricco di ossigeno negli stessi e ne determina il cattivo funzionamento. L’embolia polmonare provoca infatti gravi problemi respiratori ai pazienti, i quali possono anche avvertire dolori al petto e qualora non vengano somministrare in maniera tempestiva le giuste cure, si può andare anche incontro ad infarto polmonare e morte. 

Che cosa si intende per ictus

L’embolia polmonare è quindi una patologia che può essere curata con successo solo se diagnosticata in tempo opportuno, rivolgendosi al personale medico o al pronto soccorso più vicino. La presenza dell’embolo, o degli emboli in alcuni casi, se non trattati in tempo, può rivelarsi fatale. A livello statistico, infatti, i casi di embolia polmonare non trattati sono mortali nel 26 per cento delle occorrenze. Nei casi più gravi i pazienti colpiti da embolia polmonare possono presentare anche tratti cianotici, con labbra e dita delle mani che assumono un colore tendente al blu – viola.

A scuola a piedi per prevenire la trombosi

Esistono però una serie di sintomi che sono tipici di questa patologia da cui è possibile far derivare una corretta diagnosi. Il quadro sintomatologico appare senza dubbio reso più complesso a seconda dall’ostruzione o dalle ostruzioni provocate dall’embolo che ostruisce l’arteria polmonare.

Se si tratta di una ostruzione di piccole dimensioni un paziente in salute potrebbe anche non accorgersi del suo stato, ma in caso di situazioni di ostruzione massiva allora i sintomi sono più che visibili e la corsa al pronto soccorso è indispensabile. Anche i casi più leggeri di embolia polmonare, tuttavia, non devono essere mai sottovalutati, perché potrebbero evolvere in situazioni peggiori.

Tags:

Lascia una risposta