Che cos’è l’osteopatia – Nuove cure per una nuova professione

8 settembre 2014 11:390 commentiDi:

Medici 04

Il termine osteopatia è in pochi anni diventato di uso comune anche in Italia. Designa infatti una disciplina medico – sanitaria di tipo manuale che, nata qualche decennio fa negli Stati Uniti, è stata subito esportata anche in Europa, ricevendo una calorosa accoglienza sia in Francia che in Inghilterra. Ed è poi approdata in Italia. 

Le detrazioni ammesse nella dichiarazione dei redditi 2014

Oggi nel nostro paese sono infatti presenti circa 5 mila o 7 mila osteopati, professionisti a cui i pazienti si rivolgono soprattutto in caso di dolori articolari di diverso genere, nevralgie, mialgie e mal di testa.

Quali sono le cause principali del mal di schiena?

Vediamo quindi meglio di che cosa si occupa l’osteopatia, cioè a cosa serve, e in quale modo vengono eseguite le cure. L’osteopatia è una disciplina che viene di norma utilizzata in tutti i casi in cui si rilevino i seguenti disturbi:

  • dolori cervicali e lombari
  • colpo di frusta
  • colpo della strega
  • nevralgia
  • dolori reumatici
  • dolori articolari
  • dolori muscolari
  • sindrome dell’intestino irritabile
  • costipazione
  • asma
  • cefalea
  • emicrania.

Come abbiamo accennato, si tratta di una disciplina manuale che prevede un intervento risolutivo contro il dolore, la cui efficacia è però provata da evidenza scientifica, cioè da studi clinici, solo nei seguenti casi, almeno per il momento:

  • problemi di tipo muscolo – scheletrico, come le mialgie e le lombalgie, ma anche le cervicalgie
  • in parte per per cefalea, gastrite e sindrome del colon irritabile.

Sono in corso studi clinici per verificare l’efficacia del metodo nei confronti dell’incontinenza urinaria.

I trattamenti vengono in genere somministrati nel corso di sedute che possono durare da 30 a 60 minuti, a seconda dei casi, il cui costo si aggira tra i 40 e i 100 euro. Gli osteopati italiani sono spesso iscritti a particolari associazioni di categoria e sono dei professionisti che hanno frequentato corsi della durata di 3 o 6 anni.

Tags:

Lascia una risposta