Chi mangia pesce vive di più

3 aprile 2013 18:160 commenti

I ricercatori della Harward School of Pubblic Heart e dell’Università di Washington hanno dato conferma di alcuni studi recenti inerenti agli effetti benefici degli omega 3 per la vita degli esseri umani. Tali ricerche hanno infatti confermato che gli omega 3 contenuti nel pesce sono un naturale elisir di lunga vita.

Mangiare pesce almeno due volte a settimana incrementa la disponibilità dell’organismo per quanto concerne gli acidi grassi omega 3, allungando la vita di almeno 2,2 anni. I maggiori benefici si hanno in età adulta.

Consumare pesce per vivere meglio e più a lungo è dunque il motto da seguire e far proprio. La ricerca sulla longevità è stata finalizzata su un campione di 2700 cittadini americani aventi un’età compresa tra i 65 e gli 80 anni.

Dall’analisi della dieta giornaliera sono stata analizzate le proporzioni di grassi omega 3 nel sangue. Nei soggetti che consumano solitamente pesce è stata rintracciata una riduzione del 30% di fattori di rischio per quanto concerne le malattie cardiache.

Lo studio ha quindi dato una ulteriore prova della relazione che intercorre tra la presenza di livelli di omega 3 nel sangue e il rischio di sviluppare malattie e patologie che possono provocare la morte.

Un consumo costante nella dieta di tutti i giorni di salmone, tonno, acciughe e sardine è la quantità minima che occorre per portare gli omega 3 nel sangue a livelli ottimali e mantenere l’organismo in buona salute.

Tags:

Lascia una risposta