Home / Salute / Chimera all’americana: dopo impianto cellule umane in scrofe, ora sono polemiche

Chimera all’americana: dopo impianto cellule umane in scrofe, ora sono polemiche

Sta provocando una vespaio di polemiche l’esperimento condotto dall’università della California in Usa. I ricercatori dell’ateneo, infatti, hanno inserito cellule umane all’interno di embrioni di scrofe con l’obiettivo di verificare, nel breve periodo, quella che è la reazione del suino al corpo estraneo. L’inserimento di cellule umane nel maiale non è fine a se stesso ma è parte integrante di un più ampio disegno che è volto a cercare di creare, partendo proprio da questo innesco, le condizioni ideali per lo sviluppo di un essere da utilizzare poi come riserva per trapianti di organi destinati all’uomo. Dinanzi alla tradizionale penuria di nuovi donatori, infatti, i ricercatori californiani si sono inventati quella che è stata già ribattezzata come una chimera in salsa americana alla quale attingere, nel caso in cui tutti accertamenti dovessero dare esito favorevole, al bisogno.

I dati dell’esperimento non sono stati ancora resi noti ma le polemiche stanno già divampando anche perchè la stessa università per esperimenti molto simili si era già vista privare dei finanziamenti statali alcuni anni fa. La creazione di una riserva di organi partendo dal tessuto dell’animale, infatti, viene vista come eticamente inaccettabile non solo per il concetto predatorio ma anche per il fatto che nel nome di una non provata utilità la scienza si sta spingendo a fondere l’uomo con il maiale dando vita a meccanismi che, successivamente, potranno essere controllati senza reali garanzie a in modo approssimativo.

Il taglio dei finanziamenti, comunque, non sembra preoccupare più di tanto ricercatori che, il più delle volte, sono supportati da lobbies e gruppi di pressione di ogni tipo nella loro attività. Tutta l’opinione pubblica però è contraria a questo nuovo sconfinamento della scienza al di fuori di quelli che possono essere i suoi massimi confini di sviluppo.

Le cellule inserite nelle scrofe saranno lasciate sviluppare per 28 giorni prima poi di procedere all’interruzione di gravidanza.

Loading...