Come avviene la diagnosi della tubercolosi

30 marzo 2014 16:360 commentiDi:

tubercolosi-batteri

La tubercolosi si configura come una malattia non troppo semplice da diagnosticare, perché particolarmente complessa risulta la coltivazione in laboratorio del batterio che la provoca, che richiede, di norma, tra le 4 e le 12 settimane di coltura arricchita. Oltre alla coltivazione del batterio in laboratorio, una diagnosi completa della malattia richiede anche i seguenti elementi:la conoscenza della storia medica del paziente

  • una radiografia del torace
  • un esame medico.

I test effettuati in laboratorio possono includere, oltre alla coltura di batteri, anche altri esami come

  • test sierologici
  • test cutanei alla tubercolina
  • strisci microbiologici.

La corretta interpretazione dei risultati dei test cutanei alla tubercolina entra però in relazione anche con altri fattori di rischio propri della persona esaminata, come l’esposizione ad altri casi di TBC o l’immunosoppressione.


La tubercolosi può essere contratta anche dal gatto domestico

Per effettuare la diagnosi della tubercolosi latente in una persona non immunizzata si utilizza ancora oggi il test cutaneo oppure uno dei due test ematici “Elispot TBC” e “Quantiferon TBC Gold”.

E’ tipico delle persone già immunizzate alla TBC, provenienti da paesi in cui la malattia è ancora molto diffusa, rispondere ai test cutanei allo stesso modo delle persone che hanno l’infezione attiva, quindi questo fattore deve essere preso in considerazione nella valutazione.

II nuovi test per la TBC utilizzano invece metodi più veloci e accurati di diagnosi. Tra questi vi è ad esempio il rilevamento della reazione a catena della polimerasi di DNA batterico e campioni di anticorpi utili per rilevare il rilascio di interferone gamma in risposta ai micobatteri.

La caratteristica dei nuovi test è quella di non essere invalidati da fattori inerenti l’immunizzazione, ragione per cui si tratta di strumenti particolarmente utili per il controllo della popolazione dei paesi in via di sviluppo.






Tags:

Lascia una risposta