Come avviene la procreazione assistita – II

11 agosto 2013 09:140 commentiDi:

Medici 04

La procreazione assistita o tecnica di fecondazione in vitro è una terapia molto delicata che richiede l’ espletamento di una serie di fasi per il suo completamento. In un post pubblicato in precedenza abbiamo visto quali sono le prime cinque fasi che caratterizzano la tecnica di fecondazione in vitro ICSI – che prevede il trasferimento di embrioni. Ecco quali sono gli altri step necessari per il completamento della terapia.

Fertilità femminile ciclo ovulazione e fecondazione

  1. La sesta fase prevede il processo di selezione degli embrioni. Gli embrioni migliori vengono cioè selezionati per essere trasferiti nell’ utero della donna. Quelli in esubero, invece, vengono congelati per esigenze future.
  2. La settima fase consiste nella vitrificazione. Nella fase di vitrificazione gli embrioni avanzati vengono trattati con soluzioni crioprotettrici prima di essere congelati. Queste soluzioni, a concentrazioni molto elevate, evitano la formazione di ghiaccio all’ interno.
  3. L’ ottava fase è quella del congelamento. Gli embrioni vengono immersi ancora una volta in soluzioni crioconservanti e nel più breve tempo possibile vengono immersi ì nell’ azoto liquido, dove la temperatura raggiunge i 195° sotto lo zero. La conservazione successiva avviene all’ interno di speciali capsule di plastica ancora una volte mantenute nell’ azoto liquido.
  4. La nona fase prevede lo scongelamento. Gli ovociti sono riscaldati in acqua al fine di far loro recuperare lo stato originario.
  5. L’ ultima fase consiste nel trasferimento degli embrioni all’ interno della donna. Il passaggio avviene per via vaginale: gli embrioni vengono trasferiti nell’ utero femminile.

 

 

Tags:

Lascia una risposta