Come curare il mal di testa – La cefalea tensiva

8 giugno 2014 18:331 commentoDi:

Medici 01

In un post pubblicato prima di questo abbiamo visto in che cosa consiste la cefalea a grappolo, quel tipo di mal di testa in cui il paziente di solito avverte un dolore molto intenso localizzato in un punto preciso della testa, che raggiunge il suo apice in maniera molto veloce. Le zone colpite dal dolore sono di norma quelle concentrate da un solo lato della testa, attorno ad un occhio o allo zigomo, con possibile irraggiamento dello stesso alla tempia o alla mascella. 

Come curare il mal di testa – La cefalea a grappolo

Ma quali sono le caratteristiche e i sintomi dei diversi tipi di mal di testa che si possono presentare? E quali sono le relative cure? In questo post vedremo cosa dice la scienza medica a proposito di un altro dei tipi più diffusi, la cefalea tensiva. 


Mal di testa? Colpa del chewingum

Come curare il mal di testa – La cefalea tensiva

Il paziente che soffre di cefalea tensiva di solito avverte un dolore esteso in genere a tutta la metà superiore della testa, che può essere lieve o moderato ma in alcuni casi raggiungere anche più alti livelli di intensità. Si tratta in ogni caso di un dolore persistente.

Le zone colpite dal dolore sono di norma quelle comprendenti entrambi i lati della testa, con possibile irraggiamento anche al collo o alla nuca. I sintomi tipici di questo tipo di cefalea sono affaticamento, rigidità e dolore nei muscoli della testa e del collo, con possibile fastidio nei confronti della luce – fotofobia – e dei suoni – fonofobia.

E’ un mal di testa che può durare da 30 minuti a 7 giorni ed è più frequente nelle donne.

 

 






Tags:

1 commento

  • psicoterapeuta

    L’emicrania (dolore solitamente femminile) occupa un posto particolarmente doloroso tra i 13 tipi di cefalea ufficialmente riconosciuti. Tuttavia è poco noto che un capace psicoterapeuta comportamentale (meglio se con formazione specifica in neuropsicologia clinica) è in grado di gestire efficacemente e senza utilizzo di farmaci il dolore dei vari “mai di testa”, anche se pervicaci. Alla pagina 332 (e seguenti), in particolare, del Manuale pratico del benessere, il “percorso guidato di auto aiuto”, patrocinato dal club UNESCO, si dettagliano le modalità di intervento psicoterapeutico di chi soffre considerando, per altro, i pensieri disfunzionali sul dolore, le emozioni associate e i comportamenti maladattivi della persona, soprattutto se non trova sollievo da rimedi convenzionali e non.

Lascia una risposta