Cos’è la timidezza

4 dicembre 2012 20:440 commentiDi:

La timidezza è una caratteristica della persona che spesso è vissuta come un problema. Essere timidi porta spesso a sentirsi in imbarazzo davanti a persone e situazioni non consuete e può accrescere l’ansia. Il disagio nel rapporto con gli altri può essere più o meno pesante, e quindi influenzare molti aspetti della propria vita.

Guarire dall’ansia

La timidezza è poi un’emozione che si vede all’esterno. Si diventa rossi, si balbetta, si trema ecc.

Nelle relazioni importanti, o quando si fa qualcosa che piace, la timidezza sembra scomparire. Ma da cosa dipende quindi la timidezza?

Una risposta chiara non c’è, ma molte cose si possono dire. Per prima cosa, la timidezza riguarda sempre la relazione con gli altri e l’immagine che si ha di sé. Bisogna iniziare a pensare che forse non si è così inadeguati. Bisognerebbe smetterla di darsi addosso e rischiare maggiormente nei rapporti sociali.

La timidezza può dipendere anche da un sentimento contrario. Invece che sentirsi inadeguate, alcune persone possono sentirsi superiori e quindi non scendere a patti nelle relazioni con gli altri. Spesso queste persone sono inconsapevoli del loro senso di superiorità e diventano evitanti nei rapporti sociali attraverso la timidezza.

Tags:

Lascia una risposta