Home / Salute / Cristiano Giannessi: uzzanese guarito dalla meningite C scrive ” è malattia bastarda”

Cristiano Giannessi: uzzanese guarito dalla meningite C scrive ” è malattia bastarda”

Con una lunga lettera-appello su Facebook il giovane di Chiesina Uzzanese, Cristiano Giannessi, ha esortato tutti a vaccinarsi contro la meningite poichè essa è una malattia bastarda che è in grado di distruggere completamente la vita di chi ne rimane colpito. Cristiano Giannessi è stato a lungo ricoverato nell’Ospedale di Lucca dove ha appunto combattuto la sua personale battaglia contro la meningite.

Il caso dei Cristiano è solo uno dei tanti che sono accaduti in Toscana nell’ultimo anno. La regione dell’Italia Centrale, infatti, presenta tassi di diffusione della meningite che sono decisamente più altri rispetto a quelli presenti in altre parti d’Italia, tanto che il Ministero da tempo sta cercando di capire quali siano i motivi alla base di una incidenza così fuori da comune.

Il dramma di Cristiano Giannessi è cominciato lo scorso 14 gennaio quando, dopo essersi sentito male, è stato ricoverato a Lucca. Nel nosocomio lucchese, il ragazzo è subito entrato in coma. I medici gli hanno diagnosticato la meningite ed è stato in quel momento che la lotta di Carlo ha avuto inizio.

Adesso il giovane, uscito dal coma, ha raccontato a tutti la sua storia cercando di convincere i suoi interlocutori che il vaccino è in grado di salvare la vita di ognuno. Nel suo intervento su Facebook, Cristiano ci ha tenuto anche ad elogiare la professionalità e l’aiuto che gli è stato fornito da quelli che sono stati i suoi angeli custodi ossia i medici del nosocomio di Lucca  prima ancora quelli del Pronto Soccorso di Pescia che hanno subito capito quello che stava avvenendo: “Sono stato fortunato in quanto la sera in cui mi sono sentito male al Pronto Soccorso di Pescia prima dei risultati del prelievo del midollo mi è stato somministrato l’antibiotico adatto per la Meningite C che è poi quella che avevo riscontrato. Questo ha fatto la differenza, quel Dottorino con la coda ha fatto la differenza! Mi ha salvato la vita!“. Poi l’appello a vaccinarsi perchè “basta un vaccino” per salvarsi la vita.

 

Loading...