Home / Salute / Curare il diabete: presto l’insulina che interviene se serve

Curare il diabete: presto l’insulina che interviene se serve

Nella cura del diabete a breve potrebbe esserci una nuova arma a disposizione di medici e malati. Si tratta sempre a ben vedere di insulina ma ha dalla sua un grande vantaggio, ovvero la capacità di restare in circolo nel sangue per alcune ore prima di attivarsi nel momento preciso di necessità in cui il livello di glucosio inizia a salire. In altri termini si usa insulina solo all’occorrenza e non sempre. Un passo in avanti di non poco conto per i tanti che soffrono di questa malattia e ogni giorno sono costretti a convivere con essa.

A metterla a punto è stato un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston: i risultati della promettente sperimentazione sono stati anche pubblicati sulla rivista di settore Pnas. I dati su modello murino sono al momento piuttosto incoraggianti: la permanenza media della molecola nel sangue può arrivare anche fino a 10 ore. Un arco di tempo abbastanza lungo per permettere a chi ha il diabete di condurre una vita normale.
Questo adattamento è possibile perché la molecola della nuova insulina è costituita da una lunga catena idrofobica costituita in prevalenza di grassi. Questo in altre parole le consente di restare nel sangue per diverse ore legandosi all’albumina, la proteina che si trova nel plasma. Nel momento di emergenza in cui la glicemia supera il livello di guardia l’insulina viene innescata dal glucosio stesso per mezzo della Pba, una molecola che si trova a sua volta nella struttura chimica dell’ormone.

Vista l’incidenza del diabete sulla popolazione oggi questa scoperta potrebbe avere una portata rivoluzionaria: finalmente infatti i pazienti potrebbero non essere più schiavi dell’esigenza di monitoraggio continuo dei valori glicemici che oggi appare indispensabile invece per scongiurare eventuali rischi di salute anche seri legati agli sbalzi improvvisi del livello di zuccheri nel sangue. Questo non significa che il diabete non andrà tenuto sotto controllo ma che l’insulina sarà in grado di intervenire al bisogno.