Da Wallis Simpson a Jamie Lee Curtis, attrici e personaggi famosi con la sindrome di Morris

14 febbraio 2014 18:050 commentiDi:

Jamie Lee Curtis

La sindrome di Morris, delle belle donne, dell’insensibilità agli androgeni, di femminizzazione testicolare o comunque la si voglia chiamare, è un disturbo che consiste nello sviluppo di caratteri tipicamente femminili in individui che sono in realtà geneticamente uomini, ovvero hanno il cromosoma XY.

In pratica chi ha la sindrome di Morris ha un aspetto assolutamente femminile, anzi, spesso e volentieri sono delle bellissime donne, pur essendo degli uomini, come dimostrano da un lato la presenza degli organi genitali maschili, che rimangono però in una zona interna dell’addome, e, dall’altro, l’assenza di utero, tube di Falloppio e ovaie e la ridotta dimensione del canale vaginale.

I soggetti affetti dalla sindrome di Morris, che può presentarsi in diversi gradi e, conseguentemente manifestarsi con segni esterni più o meno evidenti, non presentano mestruazioni, questo è il motivo per cui la sindrome viene scoperta spesso in età adolescenziale.


Nella maggior parte dei casi gli individui affetti dalla sindrome di Morris hanno un aspetto esteriore davvero sensazionale, da far invidia a tutte le donne: caratteristiche comuni sono infatti un’altezza superiore alla media, gambe lunghe e sinuose, vita sottile e ben definita, capelli folti e lussureggianti, assenza di acne anche in età giovanile e zigomi ben segnati.

Donne splendide ma non feconde. Brutalmente detto è questo il motivo per cui si pensa che molte bellissime donne dello spettacolo o comunque siano affette dalla sindrome di Morris: tra queste, i casi più celebri sono quello di Wallis Simpson (diventata moglie del Duca di Windosr Edoardo VIII), forse il caso più lontano nel tempo, se non si contano Giovanna d’Arco e la Regina Elisabetta I, Elizabeth Short, ovvero Black Dahlia, la bellissima aspirante attrice orrendamente uccisa e mutilata a soli 22 anni, Jamie Lee Curtis, Charlize Theron, Frances McDormand, Hilary Swank, Renée Zellweger e Nicole Kidman.
Anche Kim Novak, Adriana Catano, Linda Evangelista e Naomi Campbell sono state definite ermafroditi (termine erroneamente usato per definire i soggetti affetti dalla sindrome di Morris), ma, nonostante le prove portate a sostegno di questa tesi, solo di un fatto si può essere certi: per nessuna di loro è mai stata ufficializzata la presenza della sindrome delle belle donne.






Tags:

Lascia una risposta