Home / Salute / Dieta, correre e perdere peso è facile con queste efficaci regole

Dieta, correre e perdere peso è facile con queste efficaci regole

Correre fa bene, sono tantissimi i benefici che riesce a portare la nostra salute, non solo fisicamente ma anche mentalmente. Anche se bisognerebbe avere una mente sana per un corpo sano, molti di noi inizia a correre solamente per riuscire a perdere peso. È ovvio che restare in linea per molti non è solo un fatto di salute, ma specialmente e puramente estetico. Fare una dieta e abbinare un esercizio fisico come la corsa aiuta a perdere peso molto facilmente e velocemente.

Una volta si diceva “bello grasso”. Oggi, invece, il contrordine è “più siamo magri, più siamo belli”. La verità, come capita spesso, sta nel mezzo. Nel senso che per stare bene bisogna essere ragionevolmente, e mai esageratamente, magri. L’esasperata ricerca della magrezza, infatti, porta a una sorta di “auto cannibalismo”: il corpo avvia un processo per cui “si mangia” letteralmente i muscoli. Con la corsa, invece, puoi imparare a perdere il grasso in eccesso senza smobilitare le riserve necessarie alla salute dell’organismo. Attenzione, però: non credere a chi ti dice che per dimagrire devi correre due ore al giorno. Con i sei spunti logici che seguono basta molto meno.

  1. SII REGOLARE La continuità è la base di ogni training. Lo stimolo allenante, anche quando mira al dimagrimento, dev’essere somministrato con cadenza regolare, altrimenti gli adattamenti a cui l’organismo va incontro sono troppo lenti perché tu smaltisca i chili di troppo. Con che frequenza devi correre? Almeno a giorni alterni. Se infili le scarpette 1-2 volte alla settimana è normale che tu non ottenga alcun risultato. Ricorda: più tempo intercorre tra una seduta di allenamento e l’altra, minori sono gli effetti sulla perdita di grasso
  2. CORRI PIÙ VOLTE CHE PUOI È decisamente meglio correre 40 minuti tutti i giorni che 60 minuti a giorni alterni. Allo stesso modo correre 20-30 minuti due volte al giorno garantisce migliori risultati che 30-40 minuti una sola volta al giorno. Il motivo è semplice: è anche durante la fase di recupero, quando il corpo deve ripristinare le riserve energetiche e recuperare lo sforzo, che si dimagrisce, perché per mettere in atto questi preziosi processi l’organismo consuma molta energia. Quindi, più volte attivi la fase di recupero, maggiore sarà la spesa. Pensa che se sei attento puoi anche capire il momento in cui questa agognata reazione sta avvenendo: accade quando, dopo lo stop, vedi sul tuo corpo un inconsueto rossore. In quel preciso momento le tue cellule adipose stanno rilasciando il grasso.
  3. VARIA IL RITMO Per ottimizzare il tempo che dedichi al running, varia l’andatura all’interno della tua seduta di corsa. Per gestirti senza troppa difficoltà e senza guardare l’orologio, controlla il tuo respiro. Se fai un’ora di corsa, puoi inserire 10 variazioni di ritmo correndo a una velocità che ti consenta ancora di parlare, ma con un minimo di difficoltà. Sarà molto più efficace che correre a un ritmo blando per un’ora. Ma puoi applicare lo stesso concetto anche quando fai distanze più brevi. Se corri per 40 minuti, per esempio, puoi farne 30 a un ritmo in cui respiri facilmente e 10 a un passo in cui il respiro è leggermente più impegnato. In questo modo incrementi il costo energetico totale della tua corsa. E anche la fase di recupero, quella in cui dimagrisci, sarà più redditizia.
  4. CONTROLLA L’APPETITO Correndo con regolarità intervengono meccanismi che rallentano lo stimolo della fame. Eppure non è infrequente vedere gente che dopo la corsa si abbuffa di dolci. L’errore è spesso di natura psicologica: si crede che l’aver fatto fatica sia un lasciapassare per correre in pasticceria. Ma è risaputo che è uno sbaglio grossolano. Un’ora di corsa, infatti, ti fa perdere circa 700 calorie. Se subito dopo averle smaltite le reintroduci, non solo non dimagrisci, ma rischi anche di mettere in discreta crisi il tuo apparato digerente. 5
  5. PORTA PAZIENZA Se ti aspetti di apprezzare un discreto dimagrimento sin dalla prima uscita, ricorda che inizialmente può accadere che il tuo peso addirittura aumenti. Non prendertela. È assolutamente normale, infatti, che la muscolatura reagisca tonificandosi e aumentando di volume (il muscolo pesa più della ciccia!). Per tirarti su di morale, prova a indossare un paio di jeans che avevi archiviato con dispiacere per raggiunti limiti di peso e vedrai: i punti critici si saranno già assottigliati.
  6. NO ALL’ABBIGLIAMENTO CHE NON TRASPIRA C’è ancora chi è convinto che correre con il k-way, soprattutto nelle ore calde, serva a far dimagrire. In questo modo, invece, si rischia solo la disidratazione. È vero che quando al rientro l’ago della bilancia segna qualche chilo in meno. Ma in realtà si sono persi soprattutto acqua e sali minerali. Il grasso corporeo, invece, è stato intaccato di poco. Giusto il tempo di una bevuta, insomma, e si riprendono quei chili (d’acqua) che si erano persi.
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *