I dolcificanti artificiali possono provocare intolleranza al glucosio

18 settembre 2014 11:470 commentiDi:

zucchero

I dolcificanti artificiali sono da tempo non più ritenuti rimedi efficaci contro l’accumulo di zuccheri nel sangue. Anzi. L’uso di prodotti di sintesi per dolcificare potrebbe, secondo alcuni studi di recente pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature, accrescere la quantità di glucosio del sangue. Uno dei rischi a cui sono soggetti coloro che utilizzano i dolcificanti artificiali nella loro dieta, quindi, sarebbe quello di sviluppare un intolleranza al glucosio. 

Lo zucchero crea dipendenza?

Secondo i ricercatori autori dello studio, infatti, negli individui animali e umani che si nutrono con dolcificanti di tipo chimico avviene una alterazione del metabolismo energetico, dovuto in parte agli effetti prodotti dalle sostanze presenti all’interno dei dolcificanti sulla funzionalità dei microbi intestinali. In pratica i dolcificanti potrebbero essere responsabili di una alterazione della flora batterica intestinale.


Conosci il diabete di tipo 2?

Il paradosso è però costituito dal fatto che questi dolcificanti artificiali sono in genere consigliati nelle diete di coloro che soffrono di problemi di peso, come alternativa allo zucchero tradizionale, e quindi anche in buona parte a individui che hanno un diverso metabolismo del glucosio in quanto diabetici.

I risultati dei nuovi studi, anche se ancora limitati, dimostrano che l’uso continuativo di dolcificanti all’interno della dieta potrebbe portare ad un peggioramento delle condizioni di sintesi del glucosio a livello metabolico e di conseguenza non favorire ma anzi esacerbare patologie che interessano la presenza di zucchero nel sangue, come il diabete.

Questo studio è servito però anche a dimostrare come l’intestino lavori all’interno dell’organismo come una vera e propria ghiandola endocrina e la flora batterica intestinale riesca ad influenzare anche altri processi fondamentali all’interno del corpo umano in seguito alla trasformazione delle sostanze ingerite.






Tags:

Lascia una risposta