Ebola – Per Obama l’epidemia è emergenza planetaria

27 settembre 2014 12:320 commentiDi:

Obama

Non si arresta l’epidemia di ebola nei diversi stati africani, dell’Africa occidentale in particolare, in cui il virus impazza da diversi mesi. I presidenti della Sierra Leone e della Liberia sono ormai consapevoli di essere davanti ad una delle peggiori epidemie della storia, ma anche ad una minaccia più grave di quella del terrorismo internazionale. 

Le epidemie più disastrose della storia – Dall’ebola, alla peste, al colera

L’ebola nell’ultimo periodo, in Africa occidentale, sta uccidendo 200 persone al giorno. Una cifra spaventosa se si rapporta alle possibili vittime di un conflitto. Secondo l’ultimo bollettino emesso dall’OMS, l’Organizzazione Mondiale delle Sanità, datato al 24 settembre 2014, i morti registrati per il virus sono stati 3500 e più del doppio, cioè 7600 i casi registrati. Tre sono le nazioni che continuano ad essere particolarmente interessate dal fenomeno, cioè la Liberia, la Sierra Leone e la Guinea, ma anche in Senegal e in Nigeria si sono registrati dei casi di contagio e delle vittime.


Ebola – Epidemia catastrofica non solo per la sanità ma anche per l’economia

Tutta questa situazione ha portato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama a definire tale epidemia di ebola una emergenza di tipo planetario. E al tempo stesso anche una minaccia alla sicurezza dell’area e del mondo intero. Per questo motivo fermare l’espansione del virus sarà una delle priorità degli USA.

Stanno infatti arrivando le prime risorse dalle organizzazioni internazionali per fermare l’epidemia, con stanziamenti da parte della Banca Mondiale per aiutare i paesi colpiti. Si parla di 170 milioni di dollari in aggiunta ai precedenti 230. Anche l’Unione Europea invierà aiuti aggiuntivi, per un totale di circa 200 milioni di euro. Il tutto mentre la situazione degli aiuti umanitari è già al collasso, come denunciato chiaramente anche da MSF.






Tags:

Lascia una risposta