Home / Salute / Fecondazione in vitro: donne cercano sperma di uomini non espansivi

Fecondazione in vitro: donne cercano sperma di uomini non espansivi

La crescita del numero delle nonne che ricorrono alla fecondazione in vitro per avere un figlio, ha spinto un team di ricercatori della Queensland University of Technology a condurre uno studio su quelle che sono le caratteristiche di quello che si va a configurare come un vero e proprio mercato. Ogni anno, infatti, il numero di soggetti maschi che si dichiara pronto a donare il proprio sperma per poter soddisfare il desiderio di tantissime donne che non possono avere figli con il loro partner, oppure non hanno affatto un compagno ma sono invece single, è in costante aumento.

Gli studiosi americani hanno analizzato le casistiche degli Stati Uniti, della Svezia, dell’Italia e del Canada scoprendo che accanto a quello che è una sorta di mercato ufficiale delle donazioni di sperma, vi sono tantissimi soggetti maschi privati che pubblicizzano questa particolare loro disponibilità, attraverso siti e forum a tema. I ricercatori americani, confrontando le storie di uomini donatori di ogni età e ceto sociale, sono arrivati alla conclusione che accanto a persone di sesso maschile che scelgono di compiere questa scelta in modo del tutto gratuito, ve ne sono invece altri che lo fanno per soldi. La mercantilizzazione delle donazioni di sperma è uno dei risultati della crescente richiesta, da parte delle donne che si cercano questo genere di servizi, di soggetti che hanno caratteristiche specifiche. La vera novità però non è solo questa. Il team di ricercatori della Queensland University of Technology, infatti, ha dimostrato che se all’inizio la donna cercava l’uomo-donatore con determinate caratteristiche fisiche, quindi la bellezza o ancora l’altezza, adesso si è passati ad una sorta di seconda fase. Le donne intenzionate a portare a termine una fecondazione in vitro tramite donatore di sperma, infatti, sono molto attente al carattere del mascio donatore. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, però, ad attirare non è l’uomo iperattivo ma anzi quello poco espansivo.