Fitoterapia – Le possibili controindicazioni dei rimedi naturali

23 giugno 2014 10:080 commentiDi:

omeopatia

Numerosi sono i rimedi di tipo farmacologico che possono venire dalle piante. La fitoterapia è anzi oggi considerata un tipo di medicina alternativa a quella tradizionale dalla quale possono venire cure adatte a tutte le patologie conosciute e studiate. Tra le malattie oggi maggiormente curate attraverso i rimedi che traggono la loro origine dalla piante vi sono ad esempio la carie, i disturbi di tipo ginecologico, le malattie delle vie urinarie, ma anche patologie più importanti come la depressione, le malattie oncologiche o il morbo di Alzheimer. 

Rimedi naturali complementari contro i tumori

Normalmente si è portati a pensare però che la medicina naturale, a differenza di quella tradizionale non abbia affatto alcuna controindicazioni sull’organismo. Si tratta purtroppo di una idea sbagliata, desunta erroneamente dal fatto che i prodotti usati in fitoterapia sono di origine naturale.


Rimedi naturali in ginecologia

Anche i principi attivi di origine naturale, infatti, il cui utilizzo si perde nella notte dei tempi, possono dare luogo a reazioni anomale sull’organismo, soprattutto se male usati, come reazioni allergiche e altri effetti collaterali. Ecco alcuni esempi.

Una pianta come la Galega officinalis, usata come galattogeno nella stimolazione della lattazione, ha in verità un effetto ipoglicemizzante e potrebbe interferire con il sistema metabolico del bambino.

Il nadololo, invece, un betabloccante, utilizzato nella cura delle patologie legate all’ipertensione arteriosa, può avere effetti molto negativi sull’organismo se assunto insieme al tè verde.

Anche quando si assumono prodotti e principi che hanno la loro origine nella fitoterapia, quindi, è sempre meglio chiedere consiglio al proprio medico di famiglia, che sarà in grado di valutare gli effetti e le possibili interazioni. Una attenzione ancora maggiore deve essere prestata nei confronti di bambini, anziani e donne in gravidanza.

 






Tags:

Lascia una risposta